Archivio blog

domenica 9 giugno 2019

Mariti, John Cassavetes, Sabrina, Chiara Rapaccini, Louis C.K., Rita Bullwinkel, crocefissi/cattolici/papa


Ieri sera ero particolarmente a terra. Non avevo voglia di leggere, ascoltare musica, uscire, dormire. Girovagavo sfinito fra programmi tv, telefilm, pubblicità fino a che sono finito su 7Gold e ho trovato un film bellissimo che avevo già visto una volta. Si tratta di "Husbands - Mariti" di John Cassavetes. Era già cominciato ma l'ho seguito fino alla fine quasi commuovendomi. Un film straordinario (purtroppo martoriato dai tagli), con tre interpreti superlativi e un girovagare alcolico di tre amici da un funerale a Londra. Un film incredibile che travolge, commuove, diverte, inquieta. 
Rivendo oggi alcune scene (quando Harry aggredisce la moglie o quanto accade nell'albergo londinese) mi chiedo se in un mondo scosso dal MeeToo, caso Weinstein, puritanesimo un film del genere che accoglienza riceverebbe.
Cercatelo.
Anche solo per respirare l'odore dei tre protagonisti e la vista degli splendidi cappotti che indossano.

Quanto mi ricordano i tre protagonisti mio padre e il mio zio defunto quando camminavamo ubriachi nella nebbia cercando sconsolati di trovare una via d'uscita dalle loro vite.

.





....





........



Quanto mi dispiace non poter andare allo spettacolo di Louis C.K. a Milano.
La speranza (gliel'ho chiesta ma ha tenuto il segreto) è che ci scriva un pezzo sopra Simonetta Sciandivasci, un bellissimo pezzo come questo: "Louis C.K. non è cambiato, ed è l’unico sopravvissuto al tribunale del #MeToo Perché cercare il consenso del pubblico è un esercizio inutile".

.....

Vado al distributore e vorrei comprare un giornale.
Resta solo Repubblica.
La prendo insieme alle birre senza guardare nemmeno la prima pagina.
Poi torno a casa e mi viene la nausea.
Ok Salvini, ok tutto ma non ne posso davvero piu' di tutte ste discussioni sul crocefisso da tenere in mano (oggetto tra l'altro che mi fa abbastanza orrore), sui dilemmi dei cattolici e dei vescovi e del prete e del missionario, cosa dice o non dice il papa, sulla chiesa di destra e quella di sinistra.
Conosco il mondo religioso da molto vicino e so tutto l'apporto della religione alla storia di questo mondo.
Ma nel 2019 anche basta starli a interpellare, tenerli in considerazione su tutto ma tutto proprio ormai.
Che quell'idiota Salvini sventoli pure il suo vuoto crocifisso.
Che i cattolici si spacchino, che facciano quello che vogliono, non me ne frega nulla. 
Mi interessa soprattutto che facciano pulizia su questioni come la pedofilia piuttosto che continuare a rompere i coglioni con le sorti del mondo e che la smettano una buona volta (loro e tutte le religioni di questo mondo) di fare proselitismo, convertire, infilarsi come virus nel mondo.
E che finalmente ci possa essere un po' di sana laicità e fiducia nella scienza.

E dire che Repubblica dovrebbe passare per un giornale di sinistra.

Aggiungo, un giornale che ha pubblicato un vergognoso articolo di Massimo Recalcati sulla ragazza olandese suicida. E articoli vergognosi, ignobili e schifosi su questo argomento sono stati pubblicati su quasi tutti i giornali. Compreso Il Foglio.

Che tristezza e che profonda solitudine che sento.

....



Nessun commento:

Posta un commento