Archivio blog

sabato 25 maggio 2019

NESSUNO TOCCHI CAINO NEWS

NESSUNO TOCCHI CAINO NEWS

Anno 19 - n. 21 - 25-05-2019 

Contenuti del numero:

1.  LA STORIA DELLA SETTIMANA : ROMA: NESSUNO TOCCHI CAINO E PARTITO RADICALE PRESENTANO IL LIBRO ‘BASTA DOLORE E ODIO. NO PRISON’
2.  NEWS FLASH: L’OPINIONE PUBBLICA E’ UNA VALIDA RAGIONE PER NON ABOLIRE LA PENA DI MORTE? UN’ANALISI COMPARATIVA DI SONDAGGI IN OTTO PAESI
3.  NEWS FLASH: GIAPPONE: CONDANNA A MORTE DIVENTA DEFINITIVA
4.  NEWS FLASH: INDONESIA: FRANCESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
5.  NEWS FLASH: VIETNAM: 10 CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
6.  I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA : DONA IL 5 X 1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO


ROMA: NESSUNO TOCCHI CAINO E PARTITO RADICALE PRESENTANO IL LIBRO ‘BASTA DOLORE E ODIO. NO PRISON’

Nessuno Tocchi Caino e il Partito Radicale presentano il libro “Basta dolore e odio. No Prison” di Livio Ferrari e Massimo Pavarini, Apogeo Editore, venerdì 31 Maggio, ore 10.30 sala conferenze del Partito Radicale - Via di Torre Argentina, 76 Roma.

“Il dire no al sistema carcerario deve essere compreso nel senso che la prigione non è ciò che si crede sia, infatti non è parte della soluzione al problema del crimine ma è parte del crimine stesso.” 
Mai come oggi, mentre si dichiara la fine della Storia, avvertiamo il bisogno di utopie. 
Ipotizzare una società senza prigioni sembra essere tra le più provocatorie e irrealizzabili, ma non avremmo potuto proiettare e realizzare società alternative, ad esempio senza schiavitù, pena di morte e con i diritti umani fondamentali riconosciuti universalmente, se non vi fossero state visioni impossibili per futuri migliori. 

Sarà presente:
Livio Ferrari, giornalista, scrittore e autore del manifesto "No Prison" 

Intervengono: 
Rita Bernardini, Presidente di Nessuno Tocchi Caino e coordinatrice PRNTT 
Lucia Ercoli, medico, responsabile dell’Associazione Medicina Solidale Elisabetta Rampelli, avvocato, presidente dell'Unione Italiana Forense 
Elisabetta Zamparutti, tesoriere di Nessuno Tocchi Caino e presidenza PRNTT 
Padre Guido Bertagna, sacerdote gesuita, mediatore in percorsi di giustizia riparativa 
Pastore Stefano Bogliolo, Chiesa Evangelica Valdese, volontario in carcere 
Sergio D'Elia, segretario di Nessuno Tocchi Caino, coordinatore Presidenza PRNTT 
Loris Facchinetti, scrittore, segretario del Tribunale delle Libertà Marco Pannella


---------------------------------------

NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

L’OPINIONE PUBBLICA E’ UNA VALIDA RAGIONE PER NON ABOLIRE LA PENA DI MORTE? UN’ANALISI COMPARATIVA DI SONDAGGI IN OTTO PAESI

Roger Hood- Berkley Journal of Criminal Law

Lo scopo di questo articolo è di fare luce sul tema della pena di morte partendo dai risultati dei sondaggi di opinione condotti in otto paesi mantenitori (di seguito indicati) che hanno continuato a sostenere che l'abolizione non sia fattibile a causa della profonda contrarietà dell’opinione pubblica ad essa. Basandosi su ricerche precedenti, principalmente condotte negli Stati Uniti, queste indagini hanno tentato di valutare non solo le dimensioni ma anche la forza dell'opinione pubblica a favore della pena di morte e il livello di effettiva opposizione alla sua abolizione; in che misura l'opinione si basi su solide conoscenze circa l'uso e l'amministrazione della pena di morte; se i cittadini siano "in generale" favorevoli alla pena capitale o il loro sostegno sia condizionato dalla gravità delle circostanze particolari del reato, compresi i fattori aggravanti e attenuanti; e quale livello di sostegno esista per una condanna a morte obbligatoria piuttosto che discrezionale.
Le indagini hanno anche esaminato in che misura gli intervistati fossero fermi nelle loro opinioni o fossero disposti a cambiarle di fronte a nuove informazioni sull'efficacia della pena di morte e sulla sua applicazione: ad esempio prove scientifiche sugli effetti deterrenti delle esecuzioni; la disponibilità di punizioni alternative soddisfacenti o politiche di giustizia sociale e penale; l'esistenza della possibilità di errore che porti all'esecuzione di persone innocenti; e la misura in cui l'opinione sia influenzata dalla consapevolezza delle tendenze internazionali verso l'abolizione in altri paesi. In particolare, diversi sondaggi hanno tentato di confrontare l'opinione immediata, in risposta alla domanda sul favore o meno alla pena di morte, con decisioni prese quando ci si trova di fronte a esempi pratici di casi capitali e si deve decidere se meritino o meno la pena di morte. Questo metodo ci permette di verificare se i cittadini che vivono in diversi paesi mantenitori esprimano giudizi sostanzialmente diversi per quanto riguarda il loro livello di sostegno all’applicazione della pena capitale, il che potrebbe costituire, come sostengono i loro governi, un ostacolo alla sua abolizione.
Gli otto sondaggi di opinione hanno tutti utilizzato una metodologia molto simile, spesso hanno posto esattamente le stesse domande e sono stati tutti svolti nell'ultimo decennio. L'autore è stato responsabile per la progettazione, l'analisi e la comunicazione di due di essi e ha agito come consulente degli autori per altri quattro. Pertanto, è stato possibile un notevole livello nel confrontare i risultati. I paesi e la dimensione dei campioni da cui sono tratte le evidenze sono stati: Repubblica Popolare Cinese, Trinidad, Malesia, Singapore, Taiwan, e Ghana, più due in cui l'autore non ha avuto alcun ruolo: Giappone e Bielorussia.
Presi insieme, i risultati di questi sondaggi di opinione condotti in otto paesi mantenitori, non giustificano l’affermazione dei loro governi secondo cui il sostegno al mantenimento della pena di morte sia così forte da fungere da barriera alla sua abolizione. Né i risultati confermano l'affermazione secondo cui gli atteggiamenti verso la pena capitale siano così diversi tra gli stati, a seconda delle particolari influenze culturali e sociali, e che i governi siano giustificati nel considerare la questione della pena capitale come una questione che debba essere determinata solo da considerazioni sui bisogni della propria politica giudiziaria penale dopo aver "preso pienamente in considerazione i sentimenti del proprio popolo" piuttosto che una questione da risolvere aderendo alle norme internazionali sui diritti umani.
In effetti, tutte queste indagini hanno rivelato il livello molto limitato di conoscenza che la maggior parte dei cittadini possiede riguardo alla pena di morte in teoria e in pratica nel formare la propria opinione e che solo una minoranza si sente "fortemente" a favore o contraria alla sua abolizione. Le opinioni favorevoli dipendono dalla convinzione che la pena di morte sia amministrata in modo equo, senza possibilità di errore che conduca all'esecuzione di un innocente. Quando agli intervistati è stato chiesto se avessero approvato la pena di morte in caso fosse dimostrato che persone innocenti sono state giustiziate, il sostegno è crollato da nove su dieci a solo un terzo. C'era un notevole grado di concordanza tra i giudizi, formulati da intervistati di diversi paesi, sull'opportunità di imporre una sentenza di morte quando venivano presentati scenari di casi reali. In ogni indagine in cui questa tecnica veniva impiegata, solo una minoranza approvava la pena di morte quand
 o erano presenti circostanze attenuanti. Anche in casi con fattori aggravanti, la percentuale di scelta della pena di morte è considerevolmente inferiore alla percentuale che aveva sostenuto la pena capitale "in astratto". Nei paesi in cui la pena di morte rappresenta la punizione obbligatoria, il sostegno per essa risulta molto basso quando gli intervistati devono affrontare casi giudiziari con circostanze di fatto differenti. Hanno ammesso che trattare tutti i casi come se fossero di uguale colpevolezza costituirebbe un’ingiustizia.
La forza dell'opposizione all'abolizione è stata messa in discussione anche quando agli intervistati è stato chiesto se avessero accettato una pena alternativa di ergastolo, variabile nella sua gravità e lunghezza, al posto della pena capitale. Questo ha dimostrato che sebbene la morte fosse stata considerata una punizione appropriata in teoria, non era l'unica punizione appropriata che la maggioranza degli intervistati avrebbe accettato. Infatti, una delle scoperte più notevoli è stata che, quando è stato chiesto di confrontare la probabile efficacia di cinque politiche sociali e di giustizia penale volte a ridurre i crimini violenti che portano alla morte, "un numero maggiore di esecuzioni" è stato classificato al primo posto solo da una piccola minoranza e classificato ultimo dalla maggior parte degli intervistati.
Così, i risultati hanno rivelato che il bilanciamento di opinioni, valori e giudizi sulla pena di morte, fatta dagli intervistati in paesi mantenitori appartenenti ai Caraibi, Asia, Africa ed Europa orientale, lungi dall'essere specifici per paese e unici, erano basati su norme comunemente condivise. Inoltre, in ogni paese, le opinioni sulla pena di morte, a suo favore o contrarie alla sua abolizione, sono molto più sfumate e moderate di quanto i governi apparentemente credano o siano disposti ad accettare. Non sorprende quindi che Frank Zimring e David Johnson abbiano concluso, dalle loro riflessioni sull'indagine sull'opinione pubblica in Cina, che: l'opinione pubblica sembra tollerare cambiamenti sostanziali nella politica di esecuzione nonostante il sostegno generico alla pena di morte in astratto. I cambiamenti nella politica sulla pena di morte del governo sono raramente ispirati dal sentimento pubblico e gli sforzi del governo per cambiare la politica sono generalmente tollerati dai cittadini.
Certamente, l'opinione pubblica non dovrebbe essere utilizzata come giustificazione per il mantenimento di una punizione crudele, inumana e degradante.

Per leggere l'intero articolo usa il link riportato sotto:

GIAPPONE: CONDANNA A MORTE DIVENTA DEFINITIVA

Avendo ritirato il suo ricorso, la condanna a morte è diventata definitiva per un uomo di 49 anni riconosciuto colpevole dell’omicidio nel 2015 di due studenti delle scuole medie nel Giappone occidentale, ha comunicato un tribunale il 21 maggio 2019.
Koji Yamada ha ritirato l'appello il 18 maggio, ha reso noto l'Alta corte di Osaka.
Durante la prima udienza del suo processo al tribunale distrettuale di Osaka nel novembre 2018, Yamada negò l'intenzione di uccidere Natsumi Hirata, 13 anni, e si dichiarò non colpevole per la morte del dodicenne Ryoto Hoshino, legando la sua morte a una malattia.
Il tribunale distrettuale ha condannato a morte Yamada il 19 dicembre, riconoscenolo colpevole di aver soffocato i due ragazzini intorno al 13 agosto 2015, nella prefettura di Osaka o nelle sue vicinanze.
Non è chiaro il motivo per cui Yamada abbia ritirato l'appello.
(Fonti: Japan Today, 21/05/2019)


INDONESIA: FRANCESE CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA

Un cittadino francese è stato condannato a morte in Indonesia per traffico di droga dopo essere stato arrestato con quasi 4 kg di droga nel suo bagaglio. Si tratta di Félix Dorfin, originario di Béthune negli Hauts-de-France, che era stato arrestato alla fine di settembre all'aeroporto di Lombok con diversi tipi di droghe tra cui cocaina, ecstasy e anfetamine, nascosti in una valigia a doppio fondo.
(Fonti: tellerreport.com, 20/05/2019)


VIETNAM: 10 CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA

Il Vietnam ha condannato a morte 10 persone per aver trafficato nel Paese metanfetamina, ketamina ed ecstasy usando i treni, secondo quanto riferito dai media di stato il 17 maggio 2019.
La banda avrebbe trasportato 300 kg di droghe dal Vietnam settentrionale al centro economico meridionale di Ho Chi Minh City tra il 2015 e il 2016, secondo i media statali.
Cinque uomini e cinque donne hanno ricevuto la pena di morte al termine del processo di questa settimana ad Hanoi, mentre altri due imputati sono stati condannati all’ergastolo.
"I due capobanda sono stati pagati centinaia di migliaia di dollari", per trafficare la droga, ha riferito il sito di notizie Vietnamnet.
(Fonti: Afp, 17/05/2019)


........


DONA IL 5 X 1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO

Sostieni la lotta per l'affermazione del diritto alla speranza per chi è condannato alla pena di morte e alla pena fino alla morte che nel nostro Paese si chiama "ergastolo ostativo". Spes contra spem è il motto di una vita di Marco Pannella che continua ad orientare l'impegno di Nessuno tocchi Caino e del Partito Radicale. 
Aiutaci ad essere speranza quando tutto intorno sembra remare contro. 
Scrivi il codice 96267720587 nel riquadro “Sostegno del volontariato...” della tua dichiarazione dei redditi. 

...

Per maggiori informazioni: http://www.nessunotocchicaino.it

1 commento: