Archivio blog

sabato 18 maggio 2019

NESSUNO TOCCHI CAINO NEWS

NESSUNO TOCCHI CAINO NEWS

Anno 19 - n. 20 - 18-05-2019 

Contenuti del numero:

1.  LA STORIA DELLA SETTIMANA : TENNESSEE (USA): GIUSTIZIATO DONNIE EDWARD JOHNSON
2.  NEWS FLASH: ALABAMA (USA): GIUSTIZIATO MICHAEL BRANDON SAMRA
3.  NEWS FLASH: BIELORUSSIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
4.  NEWS FLASH: BAHRAIN: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER DUE ATTIVISTI ANTI-REGIME
5.  NEWS FLASH: MALESIA: RIENTRATI A CASA TRE MESSICANI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
6.  I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA : 


TENNESSEE (USA): GIUSTIZIATO DONNIE EDWARD JOHNSON

Donnie Edward Johnson, 68 anni, bianco, è stato giustiziato in Tennessee il 16 maggio 2019.

Era accusato, e in parte aveva confessato, di aver ucciso, l’8 dicembre 1984, la propria moglie, Connie Johnson, 30 anni. Venne condannato a morte nella Shelby County nel 1985. Lo scorso 3 aprile la figlia della vittima (e sua figliastra) Cynthia Vaughn, si era rivolta al Governatore per chiedergli un incontro, e soprattutto un atto di clemenza per l’assassino della madre.
Inizialmente Vaughn era stata molto favorevole alla condanna a morte di Johnson. Nel 2006, quando per la prima volta fu fissata una data di esecuzione che avrebbe dovuto avvenire sulla sedia elettrica, la stampa riporta una sua dichiarazione: “Voglio che quel balordo bruci”. Dopo che quella esecuzione fu rinviata, Johnson cercò un contatto con la figliastra. Nel 2012 i due si incontrarono. In un passaggio della petizione di clemenza Vaughn descrive la sua visita come rivelatrice. "Dopo aver finito di raccontargli tutti gli anni di dolore e sofferenza che mi aveva causato, mi sono seduta e ho sentito una voce. La voce mi ha detto: "Ecco, lascia perdere". "La frase successiva che è uscita dalla mia bocca ha cambiato la mia vita per sempre. "L'ho guardato, gli ho detto che non potevo continuare a odiarlo perché l’unico risultato che stavo ottenendo era uccidere me invece che lui. poi ho detto: "Ti perdono". Nell’illustrare alla stampa la richiesta di clemenza rivolta al governatore Bill Lee, i suoi avvocati avevano evidenziato che Johnson, già dopo i primi mesi di carcere, si era avvicinato molto alla religione, e nel corso degli anni, in qualità di seguace della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, è diventato un punto di riferimento per gli altri detenuti. I suoi legali hanno evidenziato che la chiara conversione cristiana dell’imputato, e la fede cristiana nel nome della quale la figlia della vittima ha espresso il suo perdono dovrebbero trovare ascolto nel governatore, che nella sua campagna elettorale aveva fatto molto leva sui valori cristiani. "Questa è una storia con tre capitoli", ha detto il reverendo Charles Fels, uno degli avvocati di Johnson, durante una conferenza stampa. "La Redenzione, questo è Don. Il Perdono, questa è Cynthia". "Il terzo e ultimo capitolo è la Misericordia, e questo è per il Governatore dello stato del Tennessee." Ma il Governatore non ha concesso clemenza, e oggi Johnson è diventato il 1° giustiziato dell’anno in Tennessee, il 10° da quando lo stato ha ripreso le esecuzioni nel 2000, il 7° dell’anno negli Usa, e il n° 1497 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni nel 1977. 

(Fonti: The Tennessean, The Marshall Project, 16/05/2019)

---------------------------------------

NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

ALABAMA (USA): GIUSTIZIATO MICHAEL BRANDON SAMRA

Michael Brandon Samra, 41 anni, bianco, è stato giustiziato il 16 maggio 2019 in Alabama. Era stato condannato a morte nel 1998 con l’accusa di aver partecipato, il 23 marzo 1997, allo sterminio di una famiglia. Le vittime furono Randy Duke, la sua fidanzata Dedra Mims Hunt, e le due figlie della donna, Chelisa Nicole Hunt, 6 anni, e Chelsea Marie Hunt, 7 anni. 
All’epoca fu condannato a morte anche il figlio di Randy Duke, Mark Duke, che pare sia stato l’ispiratore del massacro dopo una lite con il padre. Mark Duke aveva 16 anni all’epoca dei fatti, e dopo che nel 2005 la Corte Suprema Usa ha dichiarato incostituzionale la pena di morte per i minorenni, la sua condanna è stata commutata in ergastolo senza condizionale. 
Samra aveva 19 anni all’epoca dei fatti. Samra diventa il 2° detenuto giustiziato quest’anno in Alabama, il 65° da quando lo stato ha ripreso le esecuzioni nel 1983, il 6° detenuto giustiziato quest’anno negli Usa, e il n° 1496 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni nel 1977. 
(Fonti: AL.com, The Marshall Project, 16/05/2019)


BIELORUSSIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO

La Corte Suprema bielorussa il 14 maggio 2019 ha confermato la condanna a morte di un uomo - Alyaksandr Asipovich - riconosciuto colpevole degli omicidi di due donne, nonostante le richieste dell'Unione europea affinché Minsk metta fine alla pena capitale.
L'attivista per i diritti umani Andrey Paluda, che coordina i Difensori dei Diritti nella Campagna contro la Pena capitale, ha dichiarato a RFE / RL che Asipovich ha il diritto di appellarsi contro la decisione della corte presso il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite.
Paluda sostiene che il diritto di Asipovich a un processo equo sia stato violato.
Secondo la legge bielorussa, Asipovich ha 10 giorni per presentare una richiesta di grazia al presidente Alyaksandr Lukashenka.
La madre di Asipovich ha detto a RFE / RL che suo figlio ha intenzione di chiedere la grazia.
Il 36enne Asipovich ha precedenti condanne per furto, rapina, teppismo e lesioni fisiche.
E’ stato condannato a morte il 9 gennaio 2019 per gli omicidi nel 2018 di due donne nella città orientale di Babruysk.
(Fonti: rferl.org, 14/05/2019)


BAHRAIN: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER DUE ATTIVISTI ANTI-REGIME

La suprema corte d'appello del Bahrain il 12 maggio 2019 ha confermato le condanne a morte di due attivisti anti-regime.
Le condanne capitali di Zuhair Ibrahim Jassem e Mohammad Mahdi sono state confermate dalla Corte di Cassazione sulla base di dichiarazioni estorte sotto tortura, secondo quanto riferito dalla rete televisiva in lingua araba Lualua.
Amnesty International ha invitato i propri sostenitori ad appellarsi al re del Bahrein Hamad bin Isa Al Khalifah in favore dei due detenuti nel braccio della morte, che sono a rischio di esecuzione.
Amnesty ha esortato il monarca "a non ratificare le condanne a morte inflitte ai due uomini e a garantire che non vengano giustiziati".
Ha anche richiesto un "nuovo processo che sia pienamente conforme agli standard internazionali del processo equo, che escluda le prove ottenute sotto tortura e senza ricorso alla pena di morte".
(Fonti: Press-Tv, 12/05/2019)


MALESIA: RIENTRATI A CASA TRE MESSICANI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE

Tre cittadini messicani che erano stati condannati a morte in Malesia sono stati graziati e sono rientrati nel loro Paese, ha riportato Riviera Maya News il 14 maggio 2019.
Il ministero degli Affari esteri messicano ha riferito che José Regino, Luis Alfonso e Simón González Villarreal, i tre fratelli González Villareal, sono stati rimpatriati dalla Malesia dopo aver ricevuto la grazia dal Sultano dello Stato di Johor. I tre erano stati arrestati in Malesia nel 2008 con accuse legate alla droga e condannati a morte nel 2012.
Il governo del Messico ha detto di riconoscere l'azione umanitaria di Sultan Ibrahim Ismail Ibni Almarhum Sultan Iskandar Al-Haj, che lo scorso settembre aveva annunciato la decisione di commutare la pena capitale dei tre messicani.
(Fonti: riviera-maya-news.com, 14/05/2019)

---------------------------------------

I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA


ROMA: NESSUNO TOCCHI CAINO E PARTITO RADICALE PRESENTANO IL LIBRO ‘BASTA DOLORE E ODIO. NO PRISON’




Nessuno Tocchi Caino e il Partito Radicale presentano il libro “Basta dolore e odio. No Prison” di Livio Ferrari e Massimo Pavarini, Apogeo Editore, venerdì 31 Maggio, ore 10.30 sala conferenze del Partito Radicale - Via di Torre Argentina, 76 Roma.

“Il dire no al sistema carcerario deve essere compreso nel senso che la prigione non è ciò che si crede sia, infatti non è parte della soluzione al problema del crimine ma è parte del crimine stesso.” 
Mai come oggi, mentre si dichiara la fine della Storia, avvertiamo il bisogno di utopie. 
Ipotizzare una società senza prigioni sembra essere tra le più provocatorie e irrealizzabili, ma non avremmo potuto proiettare e realizzare società alternative, ad esempio senza schiavitù, pena di morte e con i diritti umani fondamentali riconosciuti universalmente, se non vi fossero state visioni impossibili per futuri migliori. 

Sarà presente:

Livio Ferrari, giornalista, scrittore e autore del manifesto "No Prison" 

Intervengono: 
Rita Bernardini, Presidente di Nessuno Tocchi Caino e coordinatrice PRNTT 
Lucia Ercoli, medico, responsabile dell’Associazione Medicina Solidale Elisabetta Rampelli, avvocato, presidente dell'Unione Italiana Forense 
Elisabetta Zamparutti, tesoriere di Nessuno Tocchi Caino e presidenza PRNTT 
Padre Guido Bertagna, sacerdote gesuita, mediatore in percorsi di giustizia riparativa 
Pastore Stefano Bogliolo, Chiesa Evangelica Valdese, volontario in carcere 
Sergio D'Elia, segretario di Nessuno Tocchi Caino, coordinatore Presidenza PRNTT 
Loris Facchinetti, scrittore, segretario del Tribunale delle Libertà Marco Pannella


..........


DONA IL 5 X 1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO

Sostieni la lotta per l'affermazione del diritto alla speranza per chi è condannato alla pena di morte e alla pena fino alla morte che nel nostro Paese si chiama "ergastolo ostativo". Spes contra spem è il motto di una vita di Marco Pannella che continua ad orientare l'impegno di Nessuno tocchi Caino e del Partito Radicale. 
Aiutaci ad essere speranza quando tutto intorno sembra remare contro. 
Scrivi il codice 96267720587 nel riquadro “Sostegno del volontariato...” della tua dichiarazione dei redditi. 


............

Per maggiori informazioni: http://www.nessunotocchicaino.it

Nessun commento:

Posta un commento