Archivio blog

lunedì 22 aprile 2019

Charles Forsman, Taiyo Matsumoto, una mia foto, Letizia Pezzali, Modern Rituals

In questi giorni ho letto due graphic novel diverse ma entrambe bellissime e che raccontano storie di perversione, sesso, solitudine, amore, depressione, nichilismo, integralismo, violenza, follia, purezza, amicizia, annientamento, voglia di fuggire, di andarsene, di rifarsi una vita o di vivere finalmente come vorremmo vivere se solo sapessimo come si faccia a vivere, accettarsi, farsi accettare, respirare liberamente.

Sto parlando di “Slasher” di Charles Forsman (001 Edizioni, traduzione di Valerio Stivè), noto per per essere l'autore di “The End of The Fucking World” e con una protagonista, Christine, che ho adorato totalmente:





E di un vero e proprio capolavoro come “Tekkon Kinkreet” di Taiyo Matsumoto (J-Pop, traduzione di Rebecca Suter) con due bambini, Shiro e Kuro, che vi entreranno nel cuore:






Voi ce l'avete qualche forma di perversione, fobia, paranoia? Credo proprio di sì. Io ne sono pieno e non vi dico poi quanta paura ho dei cigni e insieme quanto mi facciano schifo esteticamente e come certe volte sogno di uscire con un mitragliatore e farli secchi tutti quanti.


.....



Uno dei libri più belli che ho letto nel 2018 è stato senza dubbio “Lealtà” di Letizia Pezzali (Einaudi) e leggendo in questi giorni il suo romanzo d'esordio, "L'età lirica" (Dalai Editore), finalista al Premio Calvino ho trovato quello stesso talento lì pronto a sbocciare.

Grande attesa per la sua terza opera.

E intanto mi aspettano l'ultimo di Rachel Kushner, una raccolta di saggi di Martin Amis e storie di cronaca nera di James Ellroy.


....



Ecco, questo sono io, con la maglietta di Radio Radicale e con un motto tutto churchilliano.


....



-qui-



2 commenti:

  1. Speriamo bene. Sarebbe un ulteriore zona di libertà che viene a mancare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo bene anche se la vedo durissima. Non stanno nemmeno troppo bene l'Avvenire, Il Manifesto e tutta un'altra serie di giornali locali che salteranno all'aria coi tagli all'editoria...

      Elimina