Archivio blog

sabato 27 aprile 2019

Nessuno Tocchi Caino News

NESSUNO TOCCHI CAINO NEWS

Anno 19 - n. 17 - 27-04-2019 

Contenuti del numero:

1.  LA STORIA DELLA SETTIMANA : TUNISIA: FORMAZIONE PER GIUDICI E DIRIGENTI CARCERARI SU DIRITTI UMANI E PENA DI MORTE
2.  NEWS FLASH: ARABIA SAUDITA: 37 GIUSTIZIATI IN UN GIORNO PER TERRORISMO
3.  NEWS FLASH: COREA DEL NORD: ‘FUCILATI QUATTRO FUNZIONARI DEL MINISTERO DEGLI ESTERI’
4.  NEWS FLASH: EGITTO: DUE MONACI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
5.  NEWS FLASH: IRAQ: CONDANNATO A MORTE TERRORISTA DELLO STATO ISLAMICO
6.  I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA : 


TUNISIA: FORMAZIONE PER GIUDICI E DIRIGENTI CARCERARI SU DIRITTI UMANI E PENA DI MORTE
L'Istituto Arabo per i Diritti Umani ha organizzato una sessione di formazione ad Hammamet, il 20 e 21 aprile 2019, per giudici e rappresentanti delle istituzioni penitenziarie sul ruolo del giudice e dell'amministrazione penitenziaria tra i diritti umani e la pena di morte, con la partecipazione di 25 giudici e 21 dirigenti penitenziari di diverse regioni tunisine.

La sessione spaziava da sessioni plenarie a workshop e gruppi di lavoro su temi come il ruolo del giudice e dell'amministrazione penitenziaria nella riduzione della pena capitale e il trattamento dei condannati a morte.
Inoltre, sono stati presentati e discussi i risultati preliminari dello studio sul campo "I condannati a morte nelle carceri tunisine".
La sessione fa parte di una serie di attività come parte di un progetto regionale per ridurre la pena di morte in tempi di guerra al terrorismo (Egitto, Somalia e Tunisia) in collaborazione con Nessuno tocchi Caino, l’Organizzazione Araba dei Diritti Umani e l'Agenda delle Donne Somale in cooperazione con la Commissione Internazionale dei Giuristi e con il sostegno dell'Unione Europea.

---------------------------------------
NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

ARABIA SAUDITA: 37 GIUSTIZIATI IN UN GIORNO PER TERRORISMO
L'Arabia Saudita il 23 aprile 2019 ha giustiziato 37 persone che erano state condannate a morte per crimini legati al terrorismo.
Almeno 33 dei 37 giustiziati appartenevano alla minoranza sciita del Regno musulmano sunnita.
Le esecuzioni sono state annunciate dall’agenzia di stampa saudita, secondo cui gli uomini sono stati messi a morte per "l'adozione di una ideologia estremista e terrorista e per la formazione di cellule terroristiche per corrompere e attentare alla sicurezza, diffondere il caos e causare discordia settaria.”
Alcuni uomini sarebbero stati coinvolti in attentati esplosivi contro sedi della sicurezza che avrebbero provocato la morte di agenti, ha detto l'agenzia.
Secondo la dichiarazione erano stati anche accusati di "cooperazione con parti ostili in un modo che ha danneggiato gli alti interessi della patria".
Vengono elencati i 37 uomini per nome, fornendo però poche informazioni su quali reati specifici avessero commesso o quando.
(Fonti: nytimes.com, 23/04/2019)


COREA DEL NORD: ‘FUCILATI QUATTRO FUNZIONARI DEL MINISTERO DEGLI ESTERI’
Il leader della Corea del Nord Kim Jong-un avrebbe ordinato la fucilazione di quattro funzionari del Ministero degli Esteri dopo il fallimento del suo vertice di Hanoi con Donald Trump, ha riferito l’agenzia Asia Press.
Secondo quanto riportato, i funzionari sarebbero stati giustiziati dopo che i colloqui di febbraio tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti si sono conclusi senza alcun accordo.
Pyongyang ha accusato i quattro funzionari di aver venduto informazioni a Washington prima del vertice di Hanoi, secondo l'agenzia di stampa giapponese.
Le esecuzioni, che includevano quella di un diplomatico dell'ambasciata della Corea del Nord ad Hanoi, non sono state verificate.
Asia Press ha affermato che il suo reporter avrebbe parlato con un funzionario del commercio a cui è stata riferita la notizia delle esecuzioni.
Alle esecuzioni avrebbero assistito membri del Partito dei Lavoratori della Corea e dall'Esercito Popolare Coreano.
(Fonti: finance.yahoo.com, 24/04/2019)


EGITTO: DUE MONACI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
Un tribunale egiziano il 24 aprile 2019 ha condannato a morte due monaci per aver ucciso un abate in un monastero nel deserto a nord del Cairo l'anno scorso.
Il tribunale penale di Damanhur, a nord del Cairo, ha annunciato il verdetto per due monaci sospesi a divinis identificati come Isaia e Faltaous. Possono presentare appello.
I due sono stati riconosciuti colpevoli dell'uccisione del vescovo Epifanio, un abate del monastero di San Macario costruito nel IV secolo, lo scorso  luglio.
La morte dell'abate scioccò la Chiesa Copta ortodossa d'Egitto. 
(Fonti: Ap, 24/04/2019)

IRAQ: CONDANNATO A MORTE TERRORISTA DELLO STATO ISLAMICO
Un tribunale iracheno ha condannato a morte un militante dello Stato Islamico per il suo coinvolgimento in un attacco con autobomba nella provincia di Diyala, ha riportato iraqinews.com il 24 aprile 2019.
"Il tribunale penale di Diyala ha emesso una condanna a morte per un terrorista che ha ammesso di aver usato un veicolo pieno di esplosivo per colpire una cerimonia funebre nel distretto di Abu Sayda a Diyala, un'esplosione che causò decine di civili morti e feriti", ha detto il sito web dell'Alghad Press citando un comunicato del Supremo Consiglio Giudiziario.
(Fonti: iraqinews.com, 24/04/2019)

Per maggiori informazioni: http://www.nessunotocchicaino.it

2 commenti: