Archivio blog

giovedì 5 aprile 2018

Un disco che mi serve mentre correggo - la primavera


Scrivo a penna e poi trascrivo a penna e poi trascrivo a computer e poi stampo e ricontrollo a penna. 
Mentre ricontrollo alcuni passaggi ascolto questo disco.

Fuori dicono che è cominciata la primavera.
Sono sbocciati i fiori.
C'è il sole.
Ma dopo il lavoro io preferisco come al solito rimanere in casa e vedere meno gente possibile.

6 commenti:

  1. Qui piove di brutto e tira vento altro che primavera !
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ha fatto tanto brutto fino all'altro ieri. Qualche giorno di sole e poi tornerà il brutto.

      Elimina
  2. Ho cominciato a leggere Manhattan Beach ....un film :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto a metà. Preferisco altri libri della Egan

      Elimina
  3. Scrivi, riscrivi, riscrivi... che fatica!
    E comunque a Primavera dovresti uscire a prendere un po' di sole e di pollini. Non ti farebbe male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (sostanzialmente mi piace scrivere a mano)

      Sulla primavera: a parte che negli ultimi anni ho cominciato a soffrire di allergie primaverili e infatti in questi giorni ho cominciato a starnutire e soffiarmi il naso continuamente, e gli antistaminici non mi fanno troppo bene.
      Ma soprattutto lo sai che non mi piace stare in mezzo alla gente, mi viene l'ansia e la nausea, e per raggiungere i luoghi che piacciono a me, isolati, fuori dalla città, dopo il lavoro è praticamente impossibile arrivarci. C'é sempre bisogno della macchina o dell'autobus. E poi adesso con la stagione turistica ci sarà sempre in giro troppa gente per i miei gusti.

      Preferisco nei miei giorni liberi svegliarmi alle 4 e mezza come al solito e camminare al buio, verso l'alba, gustandomi il lago silenzioso e placido.

      Elimina