venerdì 1 giugno 2018

Valentina Nappi; la Libreria Volante, Ma quale cazzo di complotto?

Ma quale cazzo di complotto?
Giorni e giorni.
Pagine e pagine internet.
Tuitterini e feicbukkini e aspiratori di scie chimiche.
Maratone riccioline e aperitivicenepranzicolazioni di trasmissioni televisive.
Esegeti della costituzione, onanisti dell'impeachement, oddio i mercati gestiti dalla lobby ebraica, scendiamo tutti in piazza con la bandierina giallorossabluverdenera, w l'Europa, difendiamo i nostri confini, fingiamo di non essere mai stati padroni/elite/finanzieri/capitalisti, lustriamo la cromatura della ruspa e partiamo all'attacco.
E alla fine il vostro bel governo di merda gialloneroverde ce l'avete in tasca.
Potete indossarlo.
Va bene per tutte le stagioni.
Vi sentirete pure dei rivoluzionari.

Per fortuna ci sono Julien Baker e The Breeders (le guardo, invecchiate, e so che anche io sono un quarantenne, ingrigito, stanco e prosciugato eppure...)  a ripulirmi da tutto questo orrore:



.


Spero di riuscire a vederlo presto "Io sono Valentina Nappi" di Monica Stambrini.
Molto curioso.
Ne hanno scritto qui.
Valentina qui.
.....


Faccio una grande fatica ormai a entrare nelle piccole librerie, che siano indipendenti o di una catena. Mi sono trasformato in un orso, sono poco disponibile a parlare, scambiare quattro chiacchiere e quando sto in un luogo troppo piccolo, sconosciuto e fra sconosciuti, tendo a soffocare, mi sudano le mani e me ne devo andare. Ma poi ci sono luoghi dove tutte queste sensazioni le vivo lo stesso, mi tengo ad almeno tre metri dai commessi, con gli occhi bassi e la mano sulla maniglia, ma mi sento meglio e piu' a casa, quando uno come me si sente bene soltanto a casa mia.
Uno di questi luoghi è la Libreria Volante a Lecco. 
Una libreria aperta negli spazi occupati un tempo da quel Punto Einaudi di Bruno Biagi che per me e moltissimi altri a Lecco e provincia è stato non solo una libreria ma un approdo, una zona libera, d'incontro e di confronto.
In questi giorni ho avuto modo di starci alla Libreria Volante e scambiare due chiacchiere con Serena Casini mentre ero alla ricerca di un romanzo non ancora uscito e non ho potuto che ammirare la sua straordinaria professionalità, il suo spirito critico, la sua gentilezza ed educazione...e non capita spesso di trovare una persona che parli di scrittori e scrittrici poco conosciuti con tale garbo, modestia e precisione. 
Tutte le volte che torno a Lecco ci passo sempre. 
Anche perché questa libreria è inserita in una delle vie piu' belle del centro, Via Mascari. 
Grazie a la Libreria Volante.
Nei prossimi mesi ci sarà bisogno anche di questi luoghi di bellezza.

.

Film che mi piacerebbe vedere:





.

Qualche libro che leggero':


-qui-


-qui-


4 commenti:

  1. Gli onanisti dell'impeachement sono stati i più ridicoli: quanto hanno fatto presto a cambiare idea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo di lettura di una missiva di Casaleggio.

      Elimina
  2. la cosa più emozionante è però vedere i giornalisti del fatto quotidiano scoprirsi filo-leghisti. P.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo.
      Poveretti......come faranno a mangiare....

      Elimina