martedì 14 novembre 2017

Tom Drury, Montaigne, Zigmunds Skujiņš, David Szalay, Good Time, la Sinistra



Letto pressapoco in un paio di giorni e devo ancora rifletterci sopra.
A pagina 87 si trova una bellissima citazione di Montaigne:

"Non può un uomo innalzarsi al di sopra di se stesso e della propria umanità" dice Montaigne. "Noi siamo, non so come, duplici in noi stessi e ciò fa sì che ciò che crediamo non lo crediamo e non ci possiamo disfare di ciò che condanniamo". (pag. 87)

.....


I Paesi baltici mi hanno sempre affascinato.
Peccato pero' che da quelle parti faccia un freddo cane che mi ucciderebbe.
Questo romanzo l'ho messo in lista

.....


Altro libro messo in lista.

....


Molto curioso di vedere questo film.

....

Potrei aprire una rubrica fissa sulla situazione attuale della pseudo sinistra italiana. 
Proprio ieri mi ha scritto un amico. Figlio e nipote di comunisti e socialisti. Da sempre uomo che ha votato per Rifondazione o Partito Comunista dei Lavoratori. Iscritto alla Cgil. Tempo fa mi aveva chiesto di consigliargli qualcosa da leggere e io gli avevo risposto, visto che non ci sentivamo da un po' di tempo, chiedendogli poi come stavano i suoi figli, sua moglie e punzecchiandolo sulla sua fede comunista.
Ieri mi ha risposto dicendomi che per la prima volta nella sua vita alla prossima tornata elettorale resterà a casa. Che se ne infischia dell'argine contro le Destre, i grillini, eccetera. Che si sente vuoto e stanco. Stamattina mi ha scritto un messaggio con cui mi chiedeva di comprare Il Manifesto per capire le sue ragioni. 
Io che non ho mai votato per un partito o chesso' altro e che non mi sognerei mai di votare per una qualsiasi costola della sinistra sono andato a comprare il suddetto quotidiano (che qui costa 3 franchi e 20, diciamo quasi 2 euro e 80) e ho compreso perfettamente.
Mi è bastata la foto di copertina e pagina 2 e 3. 
Il mio amico non si appella all'unità o robe del genere.
Si lamentava della mancanza di speranza e fiducia, di credibilità dei programmi, eccetera, eccetera.
Ecco, onestamente nel 2017 (lasciamo stare Renzi e i suoi accoliti) chi puo' mai avere fiducia e riempirsi il cuore con Civati, Montanari, Fratoianni, Boldrini, Grasso, D'Alema, Falcone, D'Attorre, Acerbo, Fava e compagnia bella?
Quando mi son messo a leggere l'intervista di Civati mi è venuta voglia di drogarmi immediatamente.

....


Nessun commento:

Posta un commento