venerdì 4 agosto 2017

It -Stephen King


Leggere "It" (tornato in una nuova veste nelle librerie) fu un'avventura straordinaria in quegli anni d'adolescenza. 
Così come leggere tutte le prime opere di King.
I racconti (ci sono alcuni suoi racconti che sono straordinari ma davvero da antologia della letteratura), i romanzi, sono tutti li' nella mia vecchia casa. 
Li divorai. 
E mi misero paura e mi allietarono i pomeriggi e le sere di solitudine e mi fecero capire che mi sarebbe piaciuto scrivere anche a me. 
"It" mi fu regalato da mia madre una volta usciti dalla Dental Children a Milano che frequentai per secoli per risolvere i miei problemi al palato e ai denti. Me lo compro' in una bellissima libreria che si chiamava Libreria del Corso, in Corso Buenos Aires, quella di un tempo, non quella di oggi. Andavo alle medie. Avevo un labbro gonfio di anestesia, residui di sangue e tanta paura nel cuore. Perché ho un sacro terrore dei dentisti.
(Ancora oggi mi sento da cani quando ci devo andare e il giorno prima bevo sempre troppo)
Aspettavo di leggerlo da tempo e tornato a caso mi ci fiondai dentro.
Un mese dopo ci tornai in quella libreria e il libraio mi chiese "Ti ha fatto paura?" e io gli risposi, me lo ricordo come se fosse oggi, "Si', ma mi fanno piu' paura i dentisti".
Anche se credo per davvero che King avesse il dono e credo che lo abbia ancora oggi (ho praticamente smesso di seguirlo) di scrivere storie che sapessero rendere reali le paure, le ossessioni, il terrore..
Tanto per dire, i Tommyknockers uscivano dagli armadi della mia stanza e si aggiravano nei cortili, erano li' seduti sul mio cesso, erano dentro la mia mente.
E potrei andare avanti a parlare per ore dei suoi racconti e romanzi...poi crescendo li rileggi e trovi altro e scopri di come i suoi problemi personali siano confluiti nei suoi scritti, rielaborati, trasformati in grande letteratura e l'età adulta ti permette di cogliere altre sfumature e di perderne delle altre.
Credo di essere stato fortunato ad aver incontrato nella mia adolescenza uno scrittore come King.
Quando qualcuno oggi mi chiede "Cosa posso comprare a mio figlio che va alle medie e ama leggere roba diversa da quella che gli danno a scuola?" io rispondo sempre "Prova con Stephen King. Almeno, cronologicamente, fino a Cose preziose".

....


Tra l'altro fra poco dovrebbe uscire il remake , nuovo film tratto da +It"...la riduzioni precedente ma anche quella de "The Tommyknockers" facevano schifo (il ragno....dio....) ma mi fecero comunque molta paura. Quel cazzo di pagliaccio era micidiale. Poi per uno come me che viveva in provincia e ha ancora oggi paura delle grate, potete immaginare cos'abbia significato leggere quel libro e vedere quella serie.

Invecchiando ho perso dietro di me molte cose.
Amori, affetti, parenti, soldi, parti del mio corpo ma non ho ancora smesso di emozionarmi leggendo un libro.
E mi viene da piangere scrivendolo.








4 commenti:

  1. Io ho iniziato con Misery, i libri non li trovo più... Paure che si materializzano ;)

    RispondiElimina
  2. Proprio due giorni fa ho comprato l'ebook della riedizione di It e sto aspettando di tornare in Italia da una breve vacanza per ritornare al club dei perdenti, oltre vent'anni dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. It è un'avventura...riaprirla è sempre insidiosa....;)

      Elimina