domenica 27 agosto 2017

Davide Bregola, capannoni, mammut, Iron Towns, anteprime cinematografiche, Ornaments


I capannoni abbandonati, in rovina, mi hanno sempre affascinato.
Le sterpaglie che si riprendono il terreno rubato.
La ruggine che cola dai tetti.
I binari che finiscono nel nulla.
Carrelli elevatori pieni magari di un ultimo carico mai consegnato.
 E preferivo Lecco e anche Milano, Sesto San Giovanni, Torino, Como quando le fabbriche erano ancora li' funzionanti, attivi, vivi.
Tossici, assassini ma portatori e custodi di un mondo ormai celato.
Su Il Giornale di  oggi c'è un bel racconto/intervento  di Davide Bregola, autore di questo bel libro di cui tempo fa Alessandro Gnocchi aveva scritto cosi': "Quei mammut che fanno sognare la Pianura Padana. Come nel libro di Bregola, lungo il fiume Po nascono leggende e muoiono amori. Ma c'era, e in parte c'è ancora, anche la piccola malavita."

(e comunque chissà se è vero che stanno cercando di riportare in vita i mammut)
.


Libro che mi sembra molto interessante. Lontano anni luce da questo calcio sfavillante milioni di euro, sceicchi, cinesi, compravendite.

Quando nel mio cinema assisto come lavoratore alle anteprime pagate (carissimo) dalle banche o dalle assicurazioni mi viene sempre da chiedermi, come uno stupidotto, da dove arrivino quei soldi.

....


Disco cupo, che avevo già rilanciato, ma che mi piace tantissimo. Rimesso nelle cuffie ed è sempre un piacere ascoltarlo.


Poi sfoglio i giornali e salto praticamente tutte le pagine.
Bevo una birra e mi rimetto a leggere i libri che ho sulla scrivania.

Nessun commento:

Posta un commento