domenica 23 luglio 2017

Libri interessanti, i vacanzieri, Massimo Volume, incontri, un bel blog, Tatranky

Libri che dovrei leggere a breve:


-qui-


-qui-

-qui-


....


Ascolto da una vita i Massimo Volume.
Praticamente da sempre.
In questi giorni questo disco è dentro la mia testa e questa canzone.
Perché non so quando, non so fra quanto ma un trasloco arriverà.
Spero il prima possibile.

......

Ieri sono andato in Italia, a Como, per incontrare mio padre.
Tra andata e ritorno da Lugano sono, a dir tanto, 60 chilometri. 
E ci ho messo quasi tre ore all'andata e tre al ritorno.
Le strade erano intasate dai turisti che si riversavano sulla penisola o tornavano a casa. 
Como era un formicaio.
Ecco, in quel momento, ho pensato a tutti quei gerenti di hotel, bar, pizzerie, ristoranti che piangono sempre miseria e mi è scappato da ridere.

.

Fa sempre male vedere come le persone cambiano fisicamente e mentalmente quando si trasformano a tutti gli effetti in tossicodipendenti.
Fa sempre male riconoscerle per alcuni particolari.
In questo caso sarebbe il tatuaggio di una cicogna nera.
E non l'ho riconosciuta solo per il tatuaggio.
Visto che la conosco bene.
-Sai Andre che ho incontrato Tania e non mi ha riconosciuto? 
-Tania chi?
-Tania quella che faceva salto in lungo.
-Ah Tania. Come sta?
-Bene. Ma non mi ha riconosciuto.
-Ovvio.
-Ovvio un cazzo. Una campestre la farei ancora.
-Ho sempre odiato le campestri.
-Lo so è per questo che te l'ho detto. Dovevi fare i cento e i duecento e preferivi giocare a calcio.
Ho sorriso e l'ho salutato.
Tutti e due avevamo le nostre cose da fare.

......

Un bel blog che ho scoperto da poco: https://ilblogdibarbara.wordpress.com

....

Canzone del giorno:



10 commenti:

  1. Milieuedizioni ha bei titoli mi piace il genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è gran bella casa editrice con un catalogo tutto da sfogliare.

      Elimina
    2. il blogdibarbara...Hai intervistato, tutta contenta, i peggio antisemiti della Ar, tra gli scrittori ti manca solo un peana a Codreanu e li hai messi tutti in fila! Che dici, due parole me le scrivi su questa apparente contraddizione? Un tuo affezionato lettore.

      Elimina
    3. si^, ho una contraddizione gigantesca che mi dilania continuamente fin dall'adolescenza. questo aspetto oscuro che ho dentro.
      davvero pero'.
      come se ci fossero dentro di me due forze gigantesche che mi spingono.
      ultimamente sto cercando di affrontarla anche in modo serio e mi sta costando fatica e soldi.

      Elimina
    4. e comunque mi succede con gli scrittori che citi una specie di fusione di cuore, fisica pur non antisemita e facendo tutt'altra vita.
      è difficilissimo per me spiegarlo. di sicuro alla base c'è anche questa ricerca della purezza che mi tormenta fin dall'infanzia. una purezza ovviamente impossibile, nemmeno auspicabile, ma che pero' mi porto dentro. e questo anche ergersi al di fuori e sopra il mondo, un po' da esteta, un po' da stronzo, cattivo anche.
      cosi', tanto per semplificare.
      non so se ti ho risposto bene ma non credere che io non sia consapevole di questa contraddizione. semplicemente cerco di non nasconderla ed è anche per questo che faccio una vita solitaria e quasi impossibile.

      Elimina
    5. questo comunque non significa che io mi senta vicino a un certo mondo di sinistra o centrosinistra, eccetera, da cui mi sento molto distante nelle analisi del mondo, dell'economia, della vita in generale. ripeto, mi sento anarchico nella sfumatura che ne dà Céline....ops...oh cavolo, son tornato a parlare di lui, l'ennesimo autore impresentabile che cito ogni tre per due...
      e comunque grazie per seguirmi nei miei deliri, gentile lettore anonimo.

      Elimina
    6. Hai scritto bene: da esteta. Purtroppo non finiscono mai bene (gli esteti). Temo di avere la tessera N° 1. Due esempi, i più importanti e alti della cultura: Faust e Don Giovanni da una parte, e la purezza dall’altra. Capisco perfettamente ciò che vuoi dire, se non desse fastidio a entrambi direi che mi ci specchio. Più che purezza, io la chiamo “perfezione”, ma purezza è…perfetto! La solitudine è un ovvio corollario. Si frantumano amicizie per dissidi sull’interpunzione. Comunque, non pensavo minimamente a Céline (il più grande di tutti). Chi non dovesse leggere Céline perché considerato antisemita, potrebbe serenamente considerarsi un idiota. Non so più neppure quanto risi leggendo Bagatelle.
      Mi hai fatto venire in mente questa scena (so da me che è patetica): https://www.youtube.com/watch?v=cnhBR1Uj-T0
      Sei stato gentile a rispondermi, e ti ringrazio. Ciao, J.C.

      Elimina
    7. Grazie a te per avermi scritto e per seguirmi e grazie anche per il link. Tra l'altro non ho visto questo film e mi hai incuriosito.
      grazie davvero.
      Andrea

      Elimina
  2. Ciao Andrea. Sì, Jarman è un autore che ho sempre amato. Per ciò che riguarda il film Wittgenstein devo sottolineare che, oltre l’incredibile somiglianza dell’attore con il filosofo viennese, la parte biografica è certamente costruita bene, ma ciò che è da rimarcare è la narrazione della parte filosofica. Se avessi problemi a reperirlo te lo posso inviare.
    A proposito di film su figure non certo facili da raccontare in modo esaustivo, ti volevo consigliare questo: https://vimeo.com/54659813
    Lo vidi qualche tempo fa su Fuori orario. Descrive il periodo del lavoro in fabbrica della Weil. Mi pare di ricordare che scrivesti qualcosa su quel testo: La condizione operaia edito da Adelphi.
    Mi hai fatto sorridere per il consiglio di lettura. Del temino ligio alla causa dell'autrice ho letto delle anteprime qua e là. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provo a cercarlo anche se non sono abile in questo genere di ricerche.
      Grazie.

      Elimina