lunedì 26 giugno 2017

Elezioni amministrative, Hideji Oda

Ieri sera ho visto un paio di donne bruciare dei tronchi e sorridere mentre fumavano.
Ecco quello che farei con tutte le chiacchiere, le riflessioni, le schede elettorali se qualcuno mi chiede una riflessione sulle recenti elezioni amministrative.
Fuori piove a dirotto.
Lo schifo che mi fanno i vari Grillo, Casaleggio, Renzi, Toti, Prodi, Gentiloni, Brunetta, Landriscina, Berlusconi, Alfano, Casarini, Salvini, liste civiche varie, Civati, Bersani...e tutte queste facce di eletti e giornalisti e politici esclusi vari mi fanno salire in gola la voglia di bere.
Ascoltare mio padre che parla di politica è una vera e propria tortura.
Io guardavo il lago, lui mi rompeva i coglioni con quanto è fica la sinistra o quanto lui sa come si fa a stare al mondo.
Io non lo so come si fa a stare al mondo, non l'ho mai saputo, mi bastava solo bere un caffè, raccontargli dei miei ultimi giorni, del mio mal di testa.
Robe semplici.
Troppo semplici forse per gente cosi'.
Non contano un cazzo i mal di testa.
Non fregano un cazzo le minuzie.
Mia sorella mi ha detto che sono un asociale di merda.
Mentre mi insultava io accarezzavo una gatta di nome Milena.
Mi sono fatto leccare le dita e le ho sorriso.
Poi lei se ne è andata attraverso i prati, le recinzioni, i marciapiedi.
Poi sono ripartito in macchina verso casa.
Poi ho pianto.
Sono giorni che non dormo mai anche se dormo.
Il lago.
Dio, quanto è bello il lago.

....

Fra le mani ho i tre volumi di questo manga:


.


In questo disco, in questa canzone trovo la forza per vivere una vita di strascichi.
Si strascica fino alla morte.

2 commenti:

  1. Scusami ma in questo psyco-dramma , tua sorella che ti dice che sei un asociale di merda , mi fa sganasciare dal ridere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;) mia sorella potrebbe staccarti la testa con un'accetta se lo sapesse.

      Elimina