lunedì 3 aprile 2017

Cose sparse (Svizzera, leghisti, titoli, libri, giudici, magistrati)

- Vivo in Svizzera e conosco bene la questione della chiusura dei valichi e le relative polemiche. Ieri prendo Il Giornale e sorrido. Il titolo è una gran presa per il culo. L'articolo all'interno, tra l'altro a pagina 10, relativizza/circoscrive/ridicolizza. Tutto per parlare e parlare.

- La figura del cazzo la fanno come al solito i leghisti. Ticinesi e italiani. Aspettarsi qualcosa di sensato e coerente da un leghista è come mettersi alla guida di un'auto dopo aver bevuto tre bottiglie di vino.

- Anche se poi il peggio della fiera restano sempre i grillini e tutte le formazioni di pseudo sinistra nate in questi anni come cellule tumorali. Leggo in giro che si vocifera pure di proposte a uno come Davigo. Immagino gli orgasmi da parte dei vari manettari, forcaioli, legalitari, leccapiedi, spioni, guardoni in circolazione. 
Niente Tav ma gogne in ogni piazza cittadina. 
Niente centrali a carbone, nucleari, termovalorizzatori, gasdotti ma decine di centri di rieducazione per gli elementi devianti. 
Tutti in ginocchio davanti ai giudici. Ai magistrati. Agli sbirri.
Caro Spaggiari, quanto mi manchi.





-

....


-QUI-

2 commenti: