mercoledì 9 novembre 2016

Su Trump

Ovviamente Trump è un personaggio impresentabile.
Con un passato, presente, futuro da far schifo.
Con un programma che basta leggerlo per capire quanto sia improponibile. 
Ma onestamente io sono contento per la sua vittoria.
Contento per motivi personali e non solo.
Contento perché mio padre e mia sorella sono tristi.
Per l'ennesima dimostrazione di come moltissimi analisti, blogger, giornalisti, filosofi, cazzoni, pensatori hanno ormai perso qualunque contatto con ciò che c'è fuori dai salotti televisivi, dai quotidiani di opinione e dai giornaletti per hipsters e universitari e post universitari, da twitter, facebook, blogger, dalle Fondazioni Prada dislocate in tutto il mondo, dalle librerie, dai siti di cultura. 
Un continuo parlarsi addosso.
Incessante.
Estenuante.

Anche se.....lasciamo stare....

10 commenti:

  1. Trump non va bene, ma Hillary sarebbe stata molto peggio, credo, e allora va bene così :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao franz, vedremo comunque. hillary è detestabile, come, lo è stato, per me, Obama.

      Elimina
  2. assolutamente d'accordo con te, Andrea. Ricordiamo poi il disastro che il dem Obama si lascia alle spalle. P.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, stanotte, che non dormivo, mi sono divertito. ho anche annusato la paraculaggine di molti commentatori e pensatori che già si stanno riposizionando.

      Elimina
  3. Negli ultimi anni la politica mi ha schifato, non mi sento rappresentato da nessuno, mi sento sempre più anarchico. Che dire di Trump? Mi fa schifo come tanti altri ... del resto noi abbiamo avuto Berlusconi per un ventennio, e gli Usa hanno votato un alcolista guerrafondaio come George Bush Jr. Saprà fare di peggio questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo cosa farà. La vedo dura fare peggio di Bush Jr.

      Elimina
  4. sì ok difficile non essere contenti che la Clinton abbia perso, ma Trump sembra Greg Stillson de La zona morta, dai.
    sai che spasso:

    - Più armi per i cittadini, meno vincoli per la vendita di pistole e fucili

    - Far pagare di più gli alleati Nato per la propria difesa.

    - Sviluppo delle fonti fossili per aiutare l'industria e l'economia del paese

    - Smantellare l'Agenzia federale che si occupa della tutela dell'ambiente

    cioè, cazzo c'è da ridere?
    d.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai lo sai d. che Trump è impresentabile ma per me sono impresentabile pure io. anche peggio di lui, nel profondo dell'animo credo di pensare cose ancora piú orribili di quelle che Trump ha mai pensato. cose veramente schifose, violentissime, che meriterebbero la mia estinzione.

      E secondo me Trump con La zona morta c'entra poco o anche solo in parte, in realtà.
      Solo a livello di suggestioni letterarie o infinite seghe meta politiche.
      Guarda quello che sta succedendo nelle riserve indiane. Che cazzo gliene fregava a Obama o alla Clinton o a Franzen della merda che masticano i Lakota.
      Gli Stati Uniti si ripetono da secoli, dalla loro stessa fondazione nella loro merda ipocrita.
      Da Jefferson a Obama, da Bush a Washington non cambia nulla. La zona morta è la condizione americana, a prescindere. Compresi molti intellettuali, scrittori che anche io amo, che mai una volta si fanno un dubbio sull'Europa. Quando leggo gli intellettuali, antagonisti, scrittori statunitensi sghignazzo e quasi rivaluto Cirino Pomicino per la sua acutezza.

      E onestamente su sta storia delle armi non mi convincono molti dei discorsi, argomenti che mi vengono sottoposti. Che se le tengano pure le armi. Che si sparino. Ma anche no. Non ci vedo nulla di male che uno si tenga un'arma in casa.

      Smantellare o no l'agenzia federale è solo un simbolo visto quello che sta succedendo in generale. Per far stare bene l'ambiente bisognerebbe segare alla base il genere umano per come vive attualmente. Libri, dischi, musica, spettacoli, film, pranzi, concerti, riti, internet. Cioè noi stessi, in questo momento. Soprattutto in maniera figurata. Immaginare anche solo alternative possibili per sostenere il nostro stesso stile di vita, mi fa orrore.
      Siamo noi esseri figli della modernità la rovina, non Trump.

      E di quale ambiente stiamo parlando? Dei parchi naturali che non significano nulla? Del tumore? Delle malattie? Delle guerre? Delle pestilenze? Dell'estinzione delle specie animali? Delle schifosissime pale eoliche che vorrei solo abbattere per quanto fanno schifo, degli insopportabili tappeti di merda solari che solo a vederli mi viene voglia di impiccarmi quando li vedo? Delle città pseudo ecologicamente sostenibili? Delle linee ad alta velocità, che fanno schifo, però ci fanno spostare più velocemente così come i viaggi low coast o il paypal o lo scaricaggio, anche a pagamento?

      Io provo uguale orrore per Sanders, Clinton, Obama?.

      Forse dovrei stare zitto.

      Però sorrido di fronte a molti analisti che non ci hanno capito un cazzo e hanno descritto come folli quelli che hanno votato per Trump. Solo quello volevo comunicare.

      Troppo alcool stasera.

      Elimina
  5. "C’è uno scollamento allucinante tra chi deve raccontare la realtà e chi la realtà la vive. E questo è un problema molto grosso"... Più chiaro di così. Sulla vittoria di Trump e non solo questa, mi pare riassumibile tutto nella tua frase "bisognerebbe segare alla base il genere umano per come vive attualmente". Ovviamente, credendo io nella forza del riscatto e in quei tanti che si rendono conto di questo disastro, spero si/ci diamo una mossa... E non ho bevuto alcool

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono più preso dalla disperazione, in generale.

      Elimina