venerdì 26 agosto 2016

Moksha, Barbera, The Girls, il lago, Mezzogiorno di fuoco

Sono stanchissimo per colpa del lavoro.
Vivo il lago solo in quei rari momenti in cui è quasi deserto.
A casa cucino torte salate e bevo birra mescolata a Barbera.
Mi sono strappato due unghie con le pinze.
Sangue.
Dolore.
Erano rotte.
Spezzate.
Sempre per colpa del lavoro.
Il lavoro è solo una prigione.
Non darà mai libertà.
Non garantisce dignità.
Il lavoro è schiavitù.
Preferisco Lafargue mescolato al saper procurarsi il cibo in maniera discordante da questo sistema.
Tutte belle parole.
Una valanga di stronzate.
I vicini tornano dalle loro cazzo di case al mare o da dove cazzo vengono questi stronzi.
Purtroppo.
Domani torneranno a rompere i coglioni.
I peggiori sono sempre un certo tipo di italiani.

Aspetto l'uscita per Einaudi di questo romanzo:



E ascolto questa canzone tutte le volte che posso:


tornato dal lavoro ho rivisto questo capolavoro:


Quanta forza mi ha dato vederlo.
Davvero tanta.
Sentirsi soli.
Abbandonati.
Lasciati soli a se stessi.

Nessun commento:

Posta un commento