mercoledì 27 luglio 2016

Giorni - Immanu El

Sto trascorrendo tempo con gessatori, pittori, architetti, idraulici, elettricisti, colleghi.
Troppo tempo.
La loro sporcizia umana è come un'infezione, un'epidemia.
Mi consolo nel non dover lavorare in un ufficio, in una libreria, in un supermercato, in una scuola.
Aspettare il giorno di riposo per potersi concentrare significa vivere una vita di merda.
Ma ho sempre pensato che la vita fosse un merda.
Non sto vivendo niente di nuovo.
Stanotte ho sognato mia madre che mi carezzava i capelli e mi lasciava piangere.
Due ore di sonno e il resto della notte a occhi aperti guardando il soffitto dal letto, dal divano. 
Guardando fuori le nubi cariche di tempesta.

Ascolto gli Immanu El per riconciliarmi con la bellezza.



Nessun commento:

Posta un commento