martedì 19 aprile 2016

"Non ci sono innocenti" di Anna K. Valerio e Silvia Valerio (Edizioni di Ar); incubi e lavoro; Persona - Urali


"Non ci sono innocenti" di Anna K. Valerio e Silvia Valerio (Edizioni di Ar) è un libro che leggerò a breve con molta, moltissima curiosità. Lo leggerò per farmi del male, per respirare, per riconquistare la fiducia nel romanzo che sto scrivendo. E per tanti altri motivi che non sto qui a spiegare. 
Intanto un'intervista a Anna e un brano letto da Claudia Grazia Vismara.

........

Ho trascorso una notte piena di incubi. mi sono svegliato stanco, indolenzito e vuoto. Camminando per andare al lavoro sentivo la voglia di buttarmi nel fiume. Ho dovuto indossare il sorriso giusto per sopportare le ore di lavoro. La fila al supermercato. La scortesia di una torma di idioti studenti della scuola d'arte. La mia ragazza mi ha detto: "Hai la faccia stravolta. Le occhiaie nere". Ho gettato gli arancini di riso nel cesso e mangiato pasta in bianco con un filo d'olio. Quando pensavo di essere al sicuro ecco la telefonata di una collega che mi chiede delucidazioni sull'orario di lavoro che ci hanno appena spedito. E parlo, parlo, parlo a vuoto. 


...........






3 commenti:

  1. Grazie, Andrea!
    https://www.facebook.com/Non-ci-sono-innocenti-1657280891204716/?fref=nf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, grazie a te.
      Andrea

      Elimina
    2. Se ti fa piacere, lasciami un tuo indirizzo email, così ti tengo aggiornato. Puoi scrivere direttamente a: silvia_valerio@libero.it

      Elimina