domenica 24 aprile 2016

"E se finisci giudicato da un tipo così?" di Piero Sansonetti

Di qualsiasi colore siano non mi piacciono giudici, magistrati e compagnia bella. Intanto lascio questo articolo:


"E se finisci giudicato da un tipo così?" di Piero Sansonetti

L'intervista di Davigo al Corriere apre due problemi. Uno molto pratico e l'altro di tipo ideale. Il problema pratico è questo: se a un cittadino qualunque capita - e capiterà - di aspettare una sentenza della Cassazione che deve essere emessa da una sezione della quale fa parte Davigo, come si sentirà questo povero cittadino? Potrà ricusare Davigo, o invece dovrà accettare di essere giudicato da un magistrato il quale afferma e ribadisce che "non esistono innocenti, esistono solo colpevoli non ancora scoperti"? E se per caso questo cittadino fosse uno che fa o ha fatto politica, come si sentirà a farsi giudicare da un magistrato il quale sostiene che i politici - tout court - rubano?
Non è un problema "virtuale" è un problema concretissimo. E porta con se un secondo problema: è evidente che Davigo non rappresenta tutta la magistratura italiana, e che anzi la maggior parte dei magistrati hanno idee ed esprimono posizioni del tutto diverse e non in contrasto con la Costituzione Repubblicana, come sono le idee di Davigo. Però è pur vero che Davigo è stato di recente eletto a capo dell'associazione nazionale magistrati, e questo può farci immaginare che esista comunque un numero significativo di magistrati che la pensano come lui. Qualunque cittadino che dovesse finire sotto processo è autorizzato a temere che il magistrato che lo giudicherà la pensi come Davigo.
Vedete, il danno che il presidente dell'Anm ha creato alla giustizia italiana con questa intervista è grande. Perché finisce col minare la credibilità non tanto di un singolo giudice, ma di tutta l'istituzione.
Del resto che questo pericolo sia molto serio lo ha immediatamente avvertito il dottor Luca Palamara, che oggi fa parte del Csm e qualche anno fa ricoprì l'incarico di presidente dell'Anm. Palamara ieri mattina, appena letta la pagina del Corriere, è immediatamente intervenuto per tentare di limitare i danni. Ha fatto benissimo. Ma l'impresa è complicata, perché ormai l'intervista è stampata. E lo sfregio che ha recato all'immagine della magistratura e di tanti valorosi magistrati è irreversibile.
Il secondo problema è quello dei rapporti tra giustizia e politica. Davigo non è certo uno sprovveduto. E' un giurista molto colto, ha studiato, è sapiente. Il suo unico difetto è quello di avere una visione della giustizia e del diritto un po' precedente all'esplosione, in Europa - nel settecento - dell'illuminismo. E dunque di essere, nelle sue idee, molto lontano dalla Costituzione Repubblicana (dal suo spirito e dalla sua lettera). La domanda è questa: se i rapporti tra politica e giustizia sono nelle mani di un leader dei magistrati che ha le idee di Davigo, come si può pensare che questi rapporti si risolvano in qualcosa diversa da una guerra?
Mi pare che questa prospettiva sia temuta anche dal dottor Palamara, ma non credo che possa essere cambiata se non scendono in campo quei pezzi di magistratura, moderni e filo-Costituzione, che ci sono, sono molto grandi, ma anche, francamente, piuttosto silenziosi.

Nessun commento:

Posta un commento