martedì 9 febbraio 2016

Un estratto da "Interrogation" di Drieu La Rrochelle (La Finestra Editrice)


Un libro prezioso. Arrivato al momento giusto. il giorno giusto. L'ho raccolto con ansia. Un libro che mi fa sanguinare. "Interrogation" di Drieu La Rochelle (La Finestra Editrice) Di quelli che turbano il cuore. Che scuotono le sicurezze. Che mi muore in gola mentre lo leggo. Che mi si tatua sulle mie paure. Che mi fanno sentire ancora più solo. Poesie di guerra. Poesia di vita.

Un estratto da: "Paura della pace":

[...] 
"Cosa sarebbe il mondo, senza il male?
Ahimè, appiattito sul fondo della trincea, sotto lo zaino
e il dolore, a volte ho desiderato quel vostro nulla, ma
non sono riuscito a contentarmene. Non si tratta della
salvezza degli uomini, si tratta di difendere il tesoro della mente.
Il vostro ideale fu la mia vergogna
Ecco il mio intimo grido: temo la vostra pace.
Non vedo. Ho paura,
eppure voglio farvi una confessione:
Questa guerra democratica è cupa, e la sua monotonia
si estende come una spudorata pace.
Dov'è la magnificenza dei primi tempi?
Eppure, qua e là, ci sono momenti indicibili
Quando l'uomo è in preda alla sacra allucinazione
Ed io tornerò sempre a quei momenti
Che redimono la stupidità del mondo." (pag. 103)

Qui Sandro Marano ne scrive molto meglio.

Nessun commento:

Posta un commento