lunedì 16 novembre 2015

Due brevissime righe su "Solo il mimo canta al limitare del bosco" di Walter Tevis (Minimum Fax)



" È così che il mondo finisce
è così che il mondo finisce
è così che il mondo finisce
non con uno schianto ma con un gemito"

"Solo il mimo canta al limitare del bosco" di Walter Tevis (Minimum Fax, traduzione di Roberta Rambelli) è un grandissimo libro (come anche "L'uomo che cadde sulla terra", "Lo spaccone" , "La regina degli scacchi") che sulla scia di capolavori come quelli di Orwell, Zamyatin e Huxley raccontando un futuro possibile racconta di noi, del nostro presente, del nostro futuro e il futuro che emerge dalla narrazione di Tevis è quello di un pianeta dove gli umani sono sull'orlo dell'estinzione e quelli che sopravvivono vivono giorno e notte sotto l'effetto di psicofarmaci e droghe, hanno dimenticato la capacità di leggere, non lavorano, sono impossibilitati a stringere relazioni, coltivano il culto della privacy e dell'individualismo, hanno smesso di procreare e amare. Ogni violazione di queste leggi viene punita con i lavori forzati. Sono esseri umani che si sono affidati completamente ai robot che lentamente hanno preso il loro posto e comandano, ordinano, regolano, in attesa della fine. È un libro commovente, disturbante ma anche di grande speranza e mentre lo leggevo non facevo che pensare ad alcune persone: a mia madre e mio padre che mi hanno comprato una valanga di libri, ad amici come Paolo, Gianfranco, Stefano, Riccardo e alle loro consorti che crescono figli e figlie con coraggio e amore e al Branco che ama T. S. Eliot. 
Leggere aiuta a preservare la libertà.
Individuale e collettiva.


Nota conclusiva: Il titolo originale di questo romanzo è "Mockingbird" e il mockingbird è questo uccello:


e il titolo originale de "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee è: "To Kill a Mockingbird"


e poi ci sono i "Mockingbirds" una canzone di un gruppo purtroppo dimenticato, i Grant Lee Buffalo:




3 commenti:

  1. Oh, no, i Grant Lee Buffalo non sono dimenticati. Phillips per fortuna continua a scrivere canzoni.

    RispondiElimina
  2. Ne ha scritto anche Gianpaolo Serino:

    http://www.ilgiornale.it/news/cultura/ci-estingueremo-ridendo-futuro-secondo-tevis-1182256.html

    RispondiElimina