domenica 1 marzo 2015

Le giornate storte



Le giornate storte sono state tante, tantissime nella mia vita.
Quasi la totalità.
Oggi sarà una di quelle giornate memorabili per 5 ore di assoluta schifezza.
5 ore sono tante ore.
Di quella schifezza che mi resterà dentro a lungo e ci vorrà del tempo per liberarsene.
Di quella che ti scava dentro e ti fa sentire vuoto e stupido.
Tanto tempo sprecato a proteggersi, difendersi, piangere senza lacrime, ingoiare, tacere.
Questo accenno di primavera è davvero crudele.

4 commenti:

  1. Mi spiace And ... ecco un altro per me grande, Elliott Smith.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giornata che mi terrò dentro per chissà quanto tempo.
      Elliott è un grande.
      Uno di quelli che mi terrò sempre dentro.

      Elimina
  2. Oggi è stato lunedì spero tu sia riuscito a svuotare un po' la tua grande amarezza. Che la tua settimana scivoli leggera. Parafrasando Elliott a volte non corrispondiamo a nessuna idea di come dovremmo essere, proviamo almeno, solo un pizzico, a corrispondere a ciò che vorremmo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho riposato lunedì, ho lavorato. Risposerò, spero domenica (ne ho una al mese) e lunedì dopo 20 giorni di lavoro consecutivo. Più che la stanchezza fisica (che c'è) è tutto il resto a deprimermi.

      Elimina