sabato 17 gennaio 2015

Sottomissione



Ho comprato e letto in due giorni il nuovo romanzo di Michel. Ho la testa piena di riflessioni,  ringraziamenti, emozioni e anche tanti dubbi. Se n'è parlato fin troppo in queste settimane eppure la mia sensazione è come se del romanzo in quei discorsi rimanga ben poco.  Come al solito del "romanzo romanzo", di ciò che c'è scritto frega assai poco. 

Nessun commento:

Posta un commento