lunedì 19 gennaio 2015

il mio paese



"Ain't life great?
Give me one good reason not to do it"


il mio paese mi fa paura fin da quando me lo ricordo.
tutte le volte che ci torno devo armarmi di corazze fasulle che con gli anni si sono fatte sempre più arrugginite.
la vita di provincia mi fa orrore tanto quanto quella in città, al mare, in montagna, in collina, sul lago.
oggi in farmacia ho provato un'angoscia così devastante che non la provavo da anni.
ho rischiato di crollare circondato da volti che conosco da quando son nato.
con in mano i farmaci per mio padre sono corso fuori trattenendo i conati di vomito.
nel mio paese gli unici luoghi che sopporto sono la mia vecchia casa, il cimitero e la chiesa parrocchiale.
tutto il resto mi fa davvero orrore.
domani, dopo il lavoro e neve permettendo e altre due ore di guida (visto il traffico), ci tornerò di nuovo.
mio padre non ha mai compreso quanto mi addolori respirare quell'aria.
perché quell'aria mi uccide.
e non la sopporto davvero più.
ma non c'è quasi più nulla che io riesca a sopportare.




"When I was younger, younger than before
I never saw the truth hanging from the door
And now I'm older see it face to face
And now I'm older gotta get up clean the place.

And I was green, greener than the hill
Where the flowers grew and the sun shone still
Now I'm darker than the deepest sea
Just hand me down, give me a place to be.

And I was strong, strong in the sun
I thought I'd see when day is done
Now I'm weaker than the palest blue
Oh, so weak in this need for you."

2 commenti: