sabato 22 novembre 2014

Dieci minuti della mia vita - Everything Means Nothing To Me




Una volta un dottore mi chiese, visto che non mi andava di parlare, di scrivere su un foglio bianco tutto ciò che non mi piaceva, che odiavo, che mi stava sullo stomaco in quel momento. Aspettai venti minuti e poi scrissi quello che mi passava per la testa. Ricordo di aver cominciato a scrivere ma niente di ciò che scrissi.

Alcune settimane fa un amico psicologo che nella vita da dodici anni fa l'operaio mi ha beccato a notte fonda con l'impostazione gmail aperta sulla chat e mi ha chiesto la stessa cosa. I perché sono solo nostri. Mi ha detto: "Ti dò dieci minuti. E mi mandi la risposta. Poi ti spedisco una damigiana di vino bianco". 

Dalla mia testa è uscito questo, giurin giurello:

...la famiglia, Renzi, il lavoro, Salvini e la Lega tutta, la sinistra, la destra, il centro, Radio Popolare, l'Arci tutto, Rifondazione, fare la spesa, preparare da mangiare per estranei, la polizia, le feste comandate anche se mia madre a Natale diventava più buona, Grillo, il papa, Striscia la notizia, me stesso, tutto quello che ho scritto e sto scrivendo, la mia vita, i miei pensieri, i miei libri, le mie stronzate, Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Corriere, Libero, Il Giornale, La Provincia di Lecco, Il Giornale di Lecco, Il Corriere di Lecco, i giornali svizzeri, la magistratura, i sindacati, le frontiere, i telegiornali, le sagre di paese, i negozi bio, le feste dell'Unità, i musei, le mostre, la carne, le tv private, le tv regionali, le tv di stato, chi mangia la carne, Subsonica, Manuel Agnelli, Pier Paolo Capovilla, i teatri occupati, Il Teatro degli Orrori, Sabina Guzzanti, Zoro, Santoro, gli stalinisti, quelli che parlano male delle scuole private senza saperne un cazzo, i talk show televisivi, il calcio, gli spogliatoi, l'Università, la scuola tutta, le palestre, i vegetariani, i vegani, gli asceti, i buddhisti, i crudisti, le presentazioni, le riviste letterarie, i festival letterari, gli scrittori, le religioni, i fotografi, i critici cinematografici che incrocio due volte la settimana, gli outlet, le case editrici, i recensori, chi odia la Germania, chi parla di stato, patria, nazione, quelli che vanno a scopare in quei posti dove si possono scopare le minorenni, quelli che parlano male delle prostitute, le carte fidelity, il circo e poi il tempo è finito perché ci sono state delle interruzioni...


E un abbraccio simbolico a una ragazzina incrociata per caso oggi su un treno che stava così così.
Andrà meglio nei prossimi giorni.
Lo spero tanto.





2 commenti:

  1. Ti sei dimenticato il PD ... anche se può essere inglobato in qualsiasi cosa, merita la citazione diretta in testa alla lista, non credi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah certo, ma mi faceva schifo anche solo scriverlo. il pd è la destra. e la minoranza pd fa schifo pure quella.

      Elimina