lunedì 29 settembre 2014

Thomas Pynchon

Thomas Pynchon.

Scrittore dei miei sogni.

Sottovoce, col cuore in fiamme e gli occhi gonfi di lacrime, ti ringrazio per il tuo ultimo libro, "La cresta dell'onda". L'ho finito in un giorno di autunno che nasconde il primo freddo glaciale nella coda di un gatto che per strada mi si annoda al polpaccio. L'angoscia che mi ha tolto il sonno. Il pensiero a Maxine e alla città. Una NYC che assomiglia così tanto alla miniatura di quella dove vivo io. Con cessi sempre aperti alle bocche di disgusto

Io che mi sveglio a tutte le ore della notte. 
Io che non dormo quasi mai. 
Rincorrendo la morte con le mie abitudini.


Ho sempre e solo avuto da imparare da te.

Grazie.

Con gravitazionale amore e rispetto.

Un giorno spero di potermi sdebitare con te con qualcosa che valga la pena di essere letto.

Nel caso non dovessi riuscirci, spero che tu possa almeno donarmi una stretta di mano.

Se non su questa terra, almeno altrove.

A.C.



2 commenti:

  1. Questa è una dichiarazione d'amore! Finito anch'io di leggere pochi giorni fa e sono in vera depressione ... non esiste altro solo Pynchon

    Anifares

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una dichiarazione d'amore assoluta. da anni t.p. occupa una bella fetta del mio cuore. T.P. TVTB :)

      Elimina