giovedì 24 aprile 2014

Riposa in piedi

Avevo davvero bisogno di leggere un romanzo come l'ultimo di Jonathan Lethem, "I giardini dei dissidenti". Non so se sia la sua opera più riuscita, credo di no, ma queste 540 pagine erano il giusto modo per vivere questi giorni di stanchezza mentale e fisica. Un modo per risvegliare il cervello e il cuore. 

"Forse era diventata meshugah ahf toit, matta come un cavallo per il dolore. Una di quelle persone che, dopo aver perso tutti i cari in un cataclisma, cominciano a ricercare situazioni che incarnino il cordoglio e siano al tempo stesso anonime. Magari questo non era affatto un comportamento da matta, o almeno da matta come un cavallo, ma come una volpe. Il trucco consisteva forse nell'estendere e spersonalizzare il lutto, e anche cristallizzarlo, trincerandosi in esso come in un'occupazione permanente. Noi ebrei ci dedichiamo scrupolosamente al lutto, in questo non c'è niente di strano, e niente di nuovo. Lasciatemi partecipare a sei milioni di funerali, e magari mi sentirò meglio. A quel punto i miei morti saranno come gocce nel mare. Dimentichero` i loro nomi." (pag. 386)


- Questo film qua sopra è un film svizzero ambientato in Canton Ticino che ho visto qualche mese fa e che è stato recensito su Indie-Eye:



- Nuova canzone dei Gazebo Penguins tratto dallo split con Johnny Mox che uscirà a maggio, eccola qui sotto:

Riposa in piedi

- E ve la ricordate la storia Stamina? Ecco, su Il Post c'è la "lista" di chi appoggio' questa truffa vigliacca da ciarlatani:

http://www.ilpost.it/2014/04/24/personaggi-a-favore-di-stamina/

2 commenti: