mercoledì 9 aprile 2014

Quasi 3 mesi

"Mi dica Medrano, continuava entusiasta il conduttore del gioco a premi interiore, mi dica Medrano, indugiava mentre lui girava mollemente su uno sgabello alto e sorrideva in un vestito lucido color rame ossidato - un vestito di Janak? -, qual è la voce che più l'ha colpita in una tabella assicurativa?, semplice accorciamento di un arto inferiore che superi i 3 cm ma non sorpassi i 5 cm, 11% di invalidità. Il pubblico applaudiva. E adesso un'ultima domanda, quante ossa servono per fare un uomo?, Un teschio e due femori, me lo ha detto Elena che ha sempre studiato anatomia, sa, noi siamo antropometri. All'antropometria, scienza che si occupa di misurare il corpo umano in ogni sua minuta parte e per intero, Alessio Medrano aveva aggiunto il fattore tempo. Le tabelle assicurative erano si` antropometriche, ma dipendevano dall'età dei misurati. Finita la sigaretta, raddrizzandosi sul divano, si era detto che il fumo non era il parametro principale nella valutazione del tempo vita, pero' forse un po' avrebbe dovuto smettere o almeno riprendere a correre con una certa regolarità." (pp. 36-37, Chiara Valerio, "Almanacco del giorno prima", Einaudi, 2014)

A proposito di questo romanzo ne ha scritto Vanni Santoni su Nazione Indiana: http://www.nazioneindiana.com/2014/04/02/lamore-e-godel/




"Mette pioggia" di Gianni Tetti è un romanzo che uscirà a fine mese per Neo Edizioni. Lo sto leggendo e lo recensiro' su Lankelot. E intanto continuano le letture Elrroyane e sto chiudendo la trilogia dedicata a Lloyd Hopkins:



Un regalo:




E cavolo, finalmente l'ultimo film di Kelly Reichardt : "Night Moves":



2 commenti:

  1. Piccola grande casa editrice la Neo, mi piace veramente un sacco...

    RispondiElimina