venerdì 18 aprile 2014

Contrasti

Un intervento radiofonico di Angela Azzaro a proposito del referendum leghista sulla legge Merlin:

https://www.youtube.com/watch?v=C7v_UoyM0r4



Il nuovo romanzo di Jonathan Lethem, "I giardini dei dissidenti", si apre così:

"O la pianti di scoparti sbirri di colore o sei fuori dal Partito Comunista." Ecco l'ultimatum, l'assurdo succo del messaggio recapitato a Rose Zimmer dalla cricca riunitasi quella sera nella sua cucina dei Sunnyside Gardens. Tardo autunno del 1955. Sol Eaglin, Autorevole Comunista, l'aveva chiamata al telefono. Una "commissione" voleva vederla; no, sarebbero stati lieti, felici, di accettare un invito a casa sua, quella sera, dopo la riunione che avevano in programma proprio dall'altra parte dei Gardens...Alle dieci era troppo tardi? Un ordine, non una domanda. Si', Sol sapeva quanto fosse duro il lavoro di Rose, quanto prezioso il suo sonno. Promise che non si sarebbero fermati a lungo. Co,m'era potuto accadere? Niente di strano. Normale routine, anzi. Queste cose, capitavamo tutti i giorni. Potevi venir epurato per esserti soffiato il naso o aver battuto le ciglia a intervalli sospetti. Adesso, dopo così tanto tempo, toccava a Rose."

e mi ha fatto pensare a quasi tutti gli zii e zie e cugini di mio padre da parte materna: comunisti fino al midollo, qualcuno poi convertitosi al leghismo. Uomini e donne a metà fra Peppone, Lenin e Rosa Luxembourg (soprattutto la mia prozia Angelina) capaci di parlare per ore e ore di rivoluzione e lotta di classe e di farti un lavaggio del cervello che bisogna(va) esserebravi a contrastare. Sorrido ancora quando il fratello quasi novantenne di mia nonna mi dice: "Tu saresti stato il candidato ideale per un una rieducazione in un gulag".

E a proposito di Peppone si comincia con la lettura di quel mondo piccolo narrato da quel gran reazionario che era Guareschi e che dispiacere sapere che sono andati persi i numeri del Candido di mio zio:




E una recensione dell'album di Camilla Sparksss:
http://www.musicomh.com/reviews/albums/camilla-sparksss-wild

Nessun commento:

Posta un commento