lunedì 17 marzo 2014

Occhi pesti

Ci sono alcune settimane di lavoro interminabile. I passati sei giorni sono stati una tirata infernale, anche a causa degli strascichi del virus che mi portavo dentro. Oggi un riposo con l'animo cupo e pieno di pensieri non molto positivi e senza sonno. E poi ieri ho partecipato in silenzio a una discussione in famiglia sull'edificazione di moschee, legge 194. Non bastavano gia' i campanili, le sinagoghe, i templi delle varie confessioni protestanti, orientali, adesso ci beccheremo ovunque anche i minareti. Ci mancava solo questo. E se i medici vogliono fare gli obiettori e non praticare aborti che se ne vadano a lavorare negli istituti religiosi.



E chissa' com'e' questo "Gesu' lava piu' bianco" di Bruno Ballardini (Minimum Fax)



"Oltre/Dentro" e' il disco del gruppo hard-core degli Occhi Pesti (perche' quando si hanno dei cugini adolescenti punksolitari arrivano consigli di questo genere). Lo potete scaricare qui. E sempre su Punk4Free potete leggere la lunga intervista a Marco Pandin autore del libro "Crass. No Love, No Peace" precedentemente uscita su A-Rivista Anarchica.


Bernard Malamud e' uno degli scrittori amati da mio padre e "L'uomo di Kiev" che ad aprile riesce per Minimum Fa vive nella vecchia edizione accanto al suo letto matrimoniale.


Alain Resnais e' morto lo scorso primo marzo e il sempre fascinoso, misterioso, fichissimo Simone Buttazzi ha scritto su Indie-Eye di lui e del suo "Aimer, boire et chanter" presentato allo scorso festival di Berlino. E intanto sto sviluppando una certa fissa per il regista francese Jean-Pierre Melville.


2 commenti:

  1. La religione è l'oppio dei popoli, e ha un sacco di spacciatori (sarebbe da aggiungere).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah ah ah
      e adesso i cattolici hanno uno di quegli spacciatori di tutto rispetto....eh sì che disperazione...

      Elimina