lunedì 3 marzo 2014

Di alberghi 3 stelle


Sono un grandissimo appassionato di ciclismo e anche se non sono mai stato innamorato di Marco Pantani prossimamente recensiro' su Lankelot il libro di Marco Pastonesi "Pantani era un dio" (66tha2nd). Il mio eroe rimarra' sempre Gianni Bugno e poi, per questioni che un giorno spieghero', Ivan Basso. Attualmente sono alla ricerca di qualche altro ciclista che sappia entusiasmarmi, anche se le gare di ciclismo, se posso, le seguo sempre tutte.


Ho notato che ultimamente si sta utilizzando la figura di Margaret Tatcher come esempio che i politici dovrebbero seguire per rivoluzionare lo stato di cose attuale. A tutti loro, comprese alcune persone che amo e stimo, mi preme solo dire che questo "GB84" di David Peace (e tutti gli altri suoi libri) mette KO Margaret pagina dopo pagina.

Cercate magliette? Guardate cos'hanno combinato Cristina Portolano e Pigmenti.

Avete mai sentito il rumore degli spari mentre state parlando con qualcuno al telefono? A me e' successo ieri mentre ero in comunicazione su Skype con la mia cugina africana. La tranquillita' di mia cugina con tutto quel frastuono come colonna sonora era disarmante. Dsiarmante e' anche il silenzio totale sull'Africa. Ha piu' importanza l'incidendente di Fiorello.

(andare a prendere mio padre in una sala colazione di un albergo a tre stelle e trovarlo che discute amabilmente con un vecchio professore zurighese di estati al mare sull'Adriatico)

4 commenti:

  1. Be', l'Uomo Piadina per molti è stato un dio, e dopo di lui il ciclismo non è stato più lo stesso, nel bene e nel male. Purtroppo nello sport c'è un moralismo infantile, dove tutto è bello, tutti eroi positivi, i cattivi sono fuori, sono mele marce, le droghe nooooo ... questo ha preso piede in politica, dove, non capendo le differenze (volevo usare la parola ideologia, ma mi sembrava troppo per questi tempi), anzi, camuffandolo amabilmente, una reazionaria come la Tatcher viene fatta passare come rivoluzionaria, perdendo il senso delle parole ... meglio l'albergo a tre stelle. Almeno quando dici la parola, riesci a capire di cosa parli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento è fantastico Ally. La Tatcher era una reazionaria, un braccio armato che sparava e che distruggeva. Ci sarebbe una discussione lunghissima da fare. Quando parlo con mia sorella lei mi dice sempre Renzi è l'ultima spiaggia e io le rispondo Guarda che l'ultima spiaggia era quella di Pesaro quando eravamo piccoli e poi c'era il promontorio dove la spiaggia finiva. Ma dietro c'era un'altra spiaggia. Bisognava solo fare una camminata, superare il promontorio. una spiaggia più piccola, magari diversa, magari più grande, magari no ma che 'è l'ultima spiaggia?

      Elimina
  2. Stupendo il tuo commento al mio commento ;)
    Già, Renzi l'ultima spiaggia, di chi è all'ultima spiaggia.
    Megli la tua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E comunque Ally questo libro su Pantani è davvero bello. Non dimentica nulla, non fa sconti, racconta, emoziona, fa piangere.

      Elimina