martedì 25 marzo 2014

British Museum - Vikings

Al British Museum di Londra è stata allestita una mostra sui Vichinghi che forse riuscirò a vedere o almeno ci spero:



Questo dipinto e' "L'incendio delle Camere dei Lord e dei Comuni" di William Turner (1835, olio su tela) che sta in copertina di un libro che adoro: "Bello come una prigione che brucia" di Julius Van Daal, composto da due testi: il primo e' la traduzione di "Beau come une prison qui brule", un testo francese del 1994 che racconta della rivolta di Londra del 1780 e l'altro un testo di Quattrocentoquindici dal titolo "Brutto come una prigione che non brucia". Cercatelo, i due testi sono ambedue bellissimi. 

"Che la storia del sacco proletario di Londra del 1780 sia pressoche' sconosciuta ai piu' non ha certo niente di misterioso, e non solo perche' il corso delle vicende viene tramandato da chi aveva armi migliori. C'e' qualcosa nelle grandi rivolte come questa, senza particolari "motivi sociali", siano essi ideologico-politici, ideologico-religiosi, o ideologici-etnici - e in quella swinging London tasse e protestantesimi furono palesemente dei meri pretesti - che risulta indicibile all'organizzazione sociale, alla societa' precisamente intesa in quel senso dove Stato e societa' civile sono falsamente contrapposti."

La prevedibile vittoria di Marine Le Pen ha innescato ieri una bella discussione con la mia amica francese sostenitrice da sempre del FN. Abbiamo litigato e discusso in maniera molto accesa per quasi un'ora al telefono e poi l'atmosfera si e' quietata e siamo finiti a parlare di cimiteri, cani, padri, vacanze, fratelli, sorelle, libri, medicine, ristrettezze economiche. Su una cosa eravamo perfettamente d'accordo, ovvero sulla totale distanza da questa fantomatica lista per un'altra Europa e da personaggi come Casarini, Spinelli, Ovadia, Rodota' e chi piu' ne ha piu' ne metta e ovviamente la distanza e' anche dal resto delle liste, partiti, pseudomovimenti, eccetera...contenti loro, del tutto indifferente io.

Nessun commento:

Posta un commento