sabato 1 febbraio 2014

Mercenari

Qualche giorno prima che mia madre morisse, forse tre giorni prima, ero seduto sul divano di casa dei miei ad aspettare che mio padre tornasse dal centro paese, mia madre alternava momenti di lucidita' ad altri di sonno, e intanto girovagavo esausto fra i canali del digitale terreste finendo per incappare in una replica di un servizio targato Rai del 1972 con Enzo Biagi sulle tracce dei mercenari. Il filmato si intitola "Soldati di sventura" e magari qualcuno l'ha visto. Mia cugina che sta in Congo mi ha parlato spesso dei mercenari di allora e di quelli di oggi e dei disastri che hanno prodotto. In quel servizio c'erano uomini come il belga Jean Schramme o il tedesco Rolf Steiner. Uomini che definire ambigui e' dire poco eppure le loro storie, le loro avventure, le loro fughe emanavano un fascino ambiguo che era difficile non farsi travolgere. A distogliermi da quei racconti sono state le parole di mia madre: "Ho sempre temuto che tu scappassi per arruolarti nella Legione Straniera" e non si sbagliava perche' quell'idea di scapparmene via, cambiare identit, finire in qualche deserto fu un'idea fissa per tanti anni, senza nemmeno che poi sapessi davvero cosa fosse la Legione Straniera

E in "Il nemico avanza" dei Massimo Volume ci ho visto dentro quel mondo e mi ha steso e ascoltando si vaga fra foci di fiumi, bombardamenti, combattimenti, giungle, morti, sangue e il loro ultimo disco, "Aspettando i barbari", e' partito prima lentamente e poi e' salito e salito ed e' diventato la colonna sonora di questi mesi di dolore e malattia.

Questa sotto e' invece Nathalie Wood, un'attrice straordinaria che mi ha donato mia madre...sul sito dove ho trovato questa foto c'era scritto: "Nathalie Wood after filming a pie fight scene"



Di tutto quanto sta accadendo in quel recinto chiamato Parlamento me ne sbatto altamente ma in questi giorni mi sono stati inviati i link di questi due articoli: "Fellatio? Ovvio che si. Vieni che te lo spiego per benino..." e "Quando a dare della "pompinara" alla ministra erano le antiberlusconiane" perche' ho un'amica pruriginosa che mi invidia il fatto che nella citta' dove sono sia stata inaugurata ieri una fiera del porno. 

Tra l'altro a mezzogiorno mi e' stato anche fatto notare una frase di Augias sui fascisti inconsapevoli. Ascoltata la prima volta sembra una considerazione intelligente ma gia' riascoltandola ci si accorge della sua pochezza e della buona dose di furbizia che contiene. Basterebbe dare uno sguardo al recente passato, partendo per esempio dal 2001Genova e arrivando sino a oggi per capire che la situazione e' un tantino piu' complicata e grave. Forse la verita' e' che sono anche quelli come Augias & Co. i veri inconsapevoli e i veri complici e pianificatori dello schifo che ci e' precipitato addosso a colpi di manganelli e mattanze e arresti e ordinanze e bombardamenti intelligenti e tribunali e salottini asfittici e basi in espansione e treni ad alta velocita' e asservimento e rincoglionimento e via andare. E i grillini sono parte di questo schifo pure loro. 

Nessun commento:

Posta un commento