sabato 7 dicembre 2013

A Whiter Shade Of Pale / My Life With You, My Life Whitout You

So che hai perso del sangue da naso. E so che non ti è quasi mai successo nella tua vita. E so che poi sei uscita e sei andata con tuo marito in città. Che ti sei seduta in un bar per fare colazione mentre lui sbrigava le sue commissioni. Che hai mangiato una brioche e respirato le discussioni altrui. So che quando sali in macchina con lui la malattia scompare. So che ti mancano i viaggi. Che ti mancano i 600 chilometri in un giorno, andata e ritorno. So che ne hai le scatole piene delle persone che ti girano per casa medicandoti, toccandoti, cambiandoti, tirandoti su di morale. So che vorresti andare al mare. So che hai sempre sognato di andare a Londra e sappiamo che non ci andrai mai. E ricordo che quando io e tua figlia ci arrivammo tu ci rivolgesti tantissime domande al telefono. Che ci dicesti "Dovete andare qui e poi là e poi perché non andate anche...". E oggi ho pensato che non avrò mai più la possibilità di prendere la macchina e di portarti in quel determinato luogo al mare e farti fare quella cosa di cui hai tanto parlato. E nella testa, madre mia, suonava questa canzone che ascoltasti cinquant'anni fa. E che segnò tutta la mia infanzia e quella di mia sorella. E che è la canzone di tuo marito. E quando la ascolta, a quell'uomo burbero con gli occhi di ghiaccio e le dita deformi gli si riempiono gli occhi di lacrime. Sempre. Da quando lo conosco.

A Whiter Shade Of Pale - Procol Harum

E quest'altra canzone la incrocio spesso quando torno dal lavoro, tratta da un album bellissimo e lancinante, ma ve l'ho già detto tempo fa.

My Life With You, My Life Without You - Old Gray

(che tra l'altro tuo marito/mio padre ultimamente ha gli stessi capelli del Lindo sotto nella copertina di un libro, "Barbarico" (Mondadori), che ho quasi finito di leggere, insieme a quest'altro "Lo stato - Breve storia del Leviatano" di Harold B. Barclay (Eleuthera))



E un disco, "Wildlife" dei La Dispute che di notte quieta le lacrime:


The Most Beautiful Bitter Fruit

Nessun commento:

Posta un commento