venerdì 18 ottobre 2013

Il signore del caos


Fra qualche giorno recensirò anche questo libretto "Il signore del caos. Sono Sion" a cura di Dario Tomasi e Franco Picollo, pubblicato da CaratteriMobili.

____________

Ci sono telefonate che mi tolgono il respiro e mi riempiono di tristezza, inquietudine, dolore, senso di inutilità e vuoto assoluto peggiorando ancora di più il mio umore ridotto a meno di zero. Torno a casa e accendo lo stereo su vecchie canzoni che mi accompagnano da sempre mentre alla televisione passa un documentario sugli orsi. Canzoni come "Quartier Latin" cantata da Léo Ferré che si mescolano a filmati di orsi che si strofinano contro tronchi di alberi nei boschi dell'Italia orientale. Bevo vino bianco scadente, consumo pasti e cene frugali. Costruisco difese contro l'inverno. Mi tengo i sorrisi e le carezze e gli abbracci solo per le persone più care. Aveva ragione mio nonno: meglio morire per strada che ridursi a vivere da leccaculi. (E nel Quartiere Latino nel 1998 a 19 anni mi presi una sbronza colossale di cui non ricordo quasi nulla, se non l'inizio e alcuni frammenti intermedi e tantissime ma tantissime risate)

"Ce quartier
Qui résonne
Dans ma tête
Ce passé
Qui me sonne
Et me guette
Ce Boul' Mich'
Qu'a d'la ligne
En automne
Ces sandwichs
Qui s'alignent
Monotones
Quartier latin
Quartier latin
Quartier latin
Chez Dupont
Ça traînait
La journée
C'était l'pont
Qui durait
Tout' l'année
L'examen
Ça tombait
Comme un' tête
Au matin
Sans chiqué
Ni trompettes
Quartier latin
Quartier latin
Quartier latin
Cett' frangine
Qui vendait
Sa bohème
Et ce spleen
Qui traînait
Dans sa traîne
J'avais rien
Ni regrets
Ni principes
Les putains
Ça m'prenait
Comm' la grippe
Quartier latin
Quartier latin
Quartier latin
Ce vieux prof
Qui parlait
A son aise
Très bien, sauf
Que c'était
Pour les chaises
Aujourd'hui
Un diplôme
Ça s'rupine
Aux amphis
Tu point's comme
A l'usine
Quartier latin
Quartier latin
Quartier latin
Les années
Ça dépasse
Comme une ombre
Le passé
Ça repasse
Et tu sombres
Rue Soufflot
Les vitrines
Font la gueule
Sans un mot
J'me débine
J'ferm' ma gueule
Je r'trouv' plus rien
Tell'ment c'est loin
L'Quartier latin"


E a proposito di Léo Ferré c'è anche questo suo romanzo, purtroppo ignorato e pubblicato da Lindau:


4 commenti:

  1. E' sempre un piacere seguirti anche se ci sentiamo raramente ...
    Buona serata Wrong!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in ritardo ma buona serata anche a te!

      Elimina
  2. Leo Ferrè...uno dei più grandi cantautori del '900!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. un artistra strarodinario.

      Elimina