sabato 14 settembre 2013

Mayonaise

- In questi giorni si sta parlando di Allende. Fu mio nonno a parlarmene, credo in prima media. Mi disse che in quei mesi voleva abbandonare la famiglia e l'albergo e partire per il Cile e combattere per difenderlo. Dopo aver combattuto con Tito mio nonno non dimenticò mai di essere un partigiano, così come ci mise poco a capire che qualunque dittatura gli stava sulle palle. Viveva con difficoltà in Italia, parecchia difficoltà, non gli piaceva per niente ma non sapeva dove altro vivere. Quando qualcuno gli parlava di Cuba, pensando di andargli incontro, mio nonno mostrava subito (anche fisicamente) la sua lontanza dal modello castrista e da tutti i regimi socialisti. Credo che mio nonno avesse ancora voglia di sparare, di vivere quell'ebbrezza di libertà vissuta durante la lotta partigiana. In fondo in fondo se la guerra fosse durata all'infinito lui sarebbe stato contento. Allora quando ho rivisito la foto di Allende con l'elmetto mi è tornato in mente mio nonno e la tristezza ha raggiunto picchi himalayani.








E visto che mi sento particolarmente vecchio e inutile di questi tempi, una canzone di quando avevo 14 anni ed ero stanco di vivere già da parecchio tempo. Se dovessi rinascere, ricomincerei volentieri dal giorno dopo la maturità. Non prima. 


9 commenti:

  1. Magari l'hai rivista sul mio blog la foto con Allende con l'elemetto ... e hai ripensato a tuo nonno sul mio blog. Io mi sento ancora ggggiovane (non direi utile, se non a me stesso), però pure io ricomincerei da dopo la maturità (ma è da lì che si cominicia a non essere più gggiovani, se le parole hanno un senso? ... ho una crisi mistica adesso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' probabilissimo che io l'abbia poi rivista sul tuo blog Ally. Foto commovente ma che mi ha sempre messo coraggio, fiducia, speranza. Io non cancellerei nulla di ciò che è successo fino alla maturità, perchè dentro c'è tutto, ma non la rivivrei per niente.

      Elimina
  2. Ricordo bene quel giorno. Ricordo che ero in casa di mio cugino e piangevamo. Ero molto giovane ma non piccola. Vorrei rinascere... manco per niente. Giammai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo in due allora a non voler rinascere.

      Elimina
  3. Ricominciare. Sempre da un certo punto in poi. L'inizio, e la precedenza, è inutile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. ricominciare fa schifo sempre e comunque. l'importante è farlo per procurarsi del male e goderne e stare ancora peggio. al peggio non c'è mai limite.

      purtroppo ricominciare è impossibile. si muore ogni giorno e finita lì. poi si muore per sempre e finita lì pure. perchè vivere? non lo so. ecco, se potessi, mi eliminerei completamente.

      Elimina
  4. Ecco Andrea ci vorrebbe lo spirito partigiano di tuo nonno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari. ma poi per cosa? per pensare che i partigiani sono quella schifezza per esempio che è l'Anpi? spero di no.

      Elimina