domenica 20 gennaio 2013

Amianto


Domani questo libro sarà fra le mie mani. "Amianto - Una storia operaia" di Aldo Prunetti (Agenzia X). Ne scriverò sicuramente e lo leggerò mentre a due passi dal mio paese natale accadono queste cose e pur consapevole della gravissima situazione in cui scivoleranno i lavoratori, eccetera eccetera, io mi auguro che la Holcim abbandoni il territorio una volta per tutte e che quelle due schifosissime ciminiere in un futuro non troppo lontano vengano finalmente abbattute. Se il 30 giugno dovessero spegnere tutto io sorriderò. Si tratta di una di quelle occasioni che dovrebbero essere sfruttate creativamente ma non accadrà, lo sappiamo tutti. Per chiudere, anche la crisi dell'edilizia non è un cattivo segnale, anzi... 

7 commenti:

  1. Mi raccomando, non prendere in mano l'amianto ;)
    Ci scherzo, ma c'è poco da scherzare, sì, concord, bisogna riconvertire, e i danni li deve pagare chi ci ha guadagnato. Punto e a capo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché bisogna dire che ditte come la Holcim hanno la strategia delle compensazioni: io ti distruggo tutto e avveleno però ti dò i soldi per strade, scuole, eccetera. Un controsenso che sa tanto di scambio...

      Elimina
    2. Una compravendita che somiglia a un ricatto.

      Elimina
    3. E' un sistema perfetto che dà da mangiare a tutti, dal prete al becchino.

      Elimina
    4. Aggiornamenti:

      http://www.casateonline.it/articolo.php?idd=76395

      e come al solito il sindaco del mio paese...

      Elimina
  2. Attendo recensione e aggiornamenti. E anche un tuo sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Darò riscontro di tutto.
      Sorrisi mi sa di no di questi tempi.

      Elimina