sabato 3 novembre 2012

Sabato alle 5

Da qualche giorno ho delle colleghe che arrivano tutte da paesi dove negli ultimi trenta, quarant'anni ci sono stati conflitti, dittature, carestie, stermini. Da anni si alzano all'alba e lavorano senza sosta per poter garantire un futuro a se stesse e ai propri figli. Siamo e saremo sempre mondi lontani ma la dignità dei loro sguardi è il respiro della terra fertile.

E mentre lavoravo ricordavo e canticchiavo queste quattro canzoni: "The Future Is Blinding" degli Epic45, "Feel The Pain" dei Dinosaur Jr, "Waiting Around to Die" di Townes Van Zandt (qui nella versione di Evan Dando) e "Roses" dei dEus. Quest'ultima canzone tratta da "In a Bar, Under the Sea" mi fu registrata su una cassettina da un amico che non vedo da tantissimo tempo ma è una di quelle persone che mi ha salvato la vita e continua a farlo, anche se non ci sentiamo mai, e suona, lavora in una radio e magari scrive anche qui.

5 commenti:

  1. Visto che ascolti musica non tanto male, prova il link qui sotto. Io li ascolto spesso mentre lavoro per estraniarmi per bene.

    http://grooveshark.com/#!/album/Aion/302646

    Un passaggio dopo tanto, mi ha fatto piacere rileggere qualche tuo post :)
    Salut.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fumando, bentornata. conosco quell'album. :) nemmeno tu ascolti musica mica tanto male. io al lavoro non posso ascoltare musica ma faccio una ventina di minuti per andare e tornare.

      (brutto momento il tuo...almeno da ciò che ho letto)

      un abbraccio

      Elimina
  2. Li ho visti quando sono venuti a suonare a Milano, ora tornano in Italia in primavera/estate e penso che li rivedrò. Sentirli dal vivo è un'esperienza quasi catartica. Te li consiglio vivamente se non li hai mai visti, ti segnano dentro.

    Se hai avuto la voglia di leggere tutto il mio post... complimenti. E' palloso per me che l'ho scritto! Ma mi serviva buttare giù i pensieri che da un paio di mesi a questa parte mi stanno un po' annichilendo. Non faccio l'elitaria, il mio problema lo vivono tutti prima o dopo. Peccato che io a questo punto sia davvero stanca :)
    Tante care cose Andrea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal vivo non li ho mai visti ma io non riesco proprio più ad andare ai concerti, mi manca l'aria e mi viene subito da scappare via e non vorrei incappare negli stessi casini di qualche tempo fa.

      (e poi scrivi bene..)

      tante care cose anche a te.

      Elimina
  3. commento velocissimo:
    anche io faccio fatica nei concerti e ormai li evito come la peste (purtroppo)... Ma sono stati capaci di farmi completamente perdere aiutandomi a dimenticare del tempo, dello spazio e delle persone. Mi sono ricordata che stavo vivendo e respirando solo alla standing ovation.

    Facci un pensiero.

    RispondiElimina