giovedì 13 settembre 2012

Brontolone non ama il vento ma "Night Drops" sì...


L'avevo promessa tanto tempo fa e oggi finalmente potete leggere qui la recensione del disco di Indian Wells "Night Drops".

Ieri su Il Manifesto c'era un lunghissimo articolo di Luca Ferrieri dal titolo "Lettori forti in fuga verso il digitale", qualcuno magari l'ha letto in cartaceo e non so che idea vi siete fatti, comunque oggi visto che il vento è forte e mi fa sempre venire il mal di testa e l'herpes, vi ricordo che è in giro da tempo questo mio robino qui che ormai sta diventando polveroso (questa sarebbe la fantomatica promozione che mi era stata chiesta e che per vari motivi non vorrò/potrò mai fare).

A proposito di quanto è successo a Bengasi mi è arrivato per posta il consiglio di leggere questo articolo, io non so cosa ne pensate voi di tutta questa faccenda, l'unica cosa che so è che ci aspettano tempi duri ancora una volta, la propaganda è già cominciata, oggi bastava vedere i titoli dei quotidiani per accorgersi di ciò che succederà o che potrebbe succedere. Ieri ho detto a una persona: "Ma lo sai che in Afghanistan si combatte ancora? Lo sai che in Iraq ci sono attentati tutti i giorni?" "Ah sì?" è stata la risposta. Come si può tentare di aprire discussioni con qualcuno che ignora questi fatti (o se ne frega) ma ha la pretesa di partire per le Crociate?

2 commenti:

  1. anche io odio il vento mi fa andare fuori di testa.....ottimo album sound divertente:)

    RispondiElimina
  2. vento=herpes e mal di testa.

    perchè non ci riuscirò mai ma mi piacerebbe ascoltarlo dal vivo Indian Wells.

    RispondiElimina