mercoledì 15 agosto 2012

San Rocco

Quando arriva Ferragosto, che non festeggio in nessun modo, io penso al giorno successivo, al 16 agosto, festa di San Rocco,  festa della frazione del paese da cui vengo e a cui sono legati tantissimi ricordi, primi fra tutti quelli che girano intorno alla mia nonna materna. Quando non eravamo a casa perchè in vacanza lei si vestiva bene ed era tutta su di giri perchè quella era la sua festa molto più che Natale. Se è nelle mie possibilità cerco sempre di farci un giro anche se non rimane nulla della "mia" festa d'infanzia, se non la messa  e la processione e il bacio della reliquia (che io osservo sempre da lontano oppure arrivo dopo), anche se il palo della cuccagna è sparito, anche se sono scomparse (per controlli/permessi) la cassoela e la trippa cucinate dalle donne del rione e organizzano un pranzo in quell'orribile luogo che è il nuovo oratorio, anche se è sparita la "pesca" dove vincevi sempre delle stupidaggini, anche se non mi rimane nessuno del mio paese da salutare, anche se gran parte degli anziani che conoscevo sono morti, anche se tutti gli antichi edifici della frazione sono stati abbattuti per far spazio ad un'anonima piazza  perennemente vuota. Il 16 agosto è uno degli ultimi giorni che mi permette di restare in contatto con la mia famiglia e mi spinge a pensare alla mia nonna materna e al mio adorato zio. Penserò a loro e a come tutte le volte che vedo passare una processione con la statua di qualche santo o madonna mi viene voglia di fare il solletico o un dispetto alle persone che la portano sulle spalle perchè quando eravamo piccoli del santo non ce ne fregava nulla e andavamo alla festa solo per far baldoria, augurarci che qualcuno cadesse dal palo della cuccagna, rubare qualcosina dalle bancarelle e veder cadere la statua di San Rocco...e se ci penso non posso trattenere le risate...e anche qualche lacrima...





E visto che nei commenti e non solo si parla di feste lascio il link di una superfesta di un film grandioso come "I cancelli del cielo" di Michael Cimino di cui mi hanno detto che quest'anno verrà presentata a Venezia una copia restaurata...che film accidenti...potete vedere la scena del ballo qui sotto:

http://www.youtube.com/watch?v=Mo93vvXPM8s

11 commenti:

  1. Pure io festeggio il 16 ... è la data di nascita di Bukowski, e di un amico (domani mi offre la pizza).

    RispondiElimina
  2. Allora siamo in 2.
    io probabilmente incontrerò mio padre perchè è a casa da solo.
    :)

    RispondiElimina
  3. Non festeggio nè ferragosto nè il 16, ma il tuo racconto mi ha ricordato tante cose vissute e passate che purtroppo non esistono più, ma riempiono il mio cuore di allegria e malinconia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non festeggio le feste religiose però il 16 si porta dietro tanti ricordi e poi due cose: 1) il mio paese che mostrava qualche segno di vita 2) il fatto che potevi restare alzato fino a tardissimo, stando fuori anche da solo senza che nessuno ti dicesse niente.

      Elimina
  4. per me basta festeggiare va bene tutto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah

      quello che è brutto è come tutti questi controlli, leggi, leggine, etc, etc, stiano impedendo da un certo punto di vista anche lo svolgersi di feste un po' libere.

      Elimina
  5. Wow "I cancelli del cielo" a Venezia? Ci faccio un pensierino, sarebbe troppo bello vederlo sul grande schermo. Un film immenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo dove l'ho letto, forse su Il Manifesto, boh, non lo so, spero di non sbagliarmi. Che film ragazzi! Pure a me piacerebbe vederlo sul grande schermo.

      Elimina
    2. Confermo, giovedì 30 agosto alle 14,00 ...c'è nel programma della Mostra e ci sarà pure Cimino ... azz, non ci potrò essere io.

      Elimina
    3. impossibile anche per me.
      però che voglia.

      Elimina
  6. In questo articolo si parla anche del libro di Franklin:

    http://www.ilmanifesto.it/supplementi/recensioni/il-libro-della-settimana/

    RispondiElimina