sabato 16 giugno 2012

Una chiacchierata con Sylvia




Nei giorni scorsi su Lankelot (attualmente in una fase di lavori in corso) avevo recensito l'ep di Sylvia (Silvia Tofani) "Musica da camera", un disco intenso e sorprendente che mi è piaciuto parecchio e che continuo ad ascoltare e tanto mi hanno colpito le atmosfere di questi brani che ho deciso di rivolgere qualche domanda a Sylvia  per sapere qualcosa di più su di lei. Ecco a voi questa veloce e simpatica chiacchierata:

Ciao Silvia, comincio questa chiacchierata chiedendoti chi è Silvia nella vita di tutti i giorni, perché suppongo che non sarai una musicista a tempo pieno o forse sì?

Silvia di tutti i giorni è fotografa.  Ho iniziato a portarmi la macchina fotografica in università quando ero iscritta a musicologia a Milano per ben 6 mesi!…poi presa coscienza del fatto che sarei finita ad archiviare spartiti sono fuggita.

Da dove nasce il tuo amore per il pianoforte e in generale per la musica e il canto e come si è sviluppato negli anni? E prima di "Musica da camera" ci sono stati altri dischi, altre collaborazioni?

Quando ero piccola mi rifugiavo in mansarda dove si trovavano alcuni strumenti musicali collezionati da mio padre tra cui un pianoforte a muro che possedeva da quando era bambino. Ricordo di esserne rimasta affascinata da sempre e quindi attratta anche solo ad appoggiarci le dita sopra. Tuttora quando vado a trovarli la prima cosa che faccio e sentirne la consistenza dei tasti d'avorio.

Ti va di raccontarci come è nato "Musica da camera" e chi ti ha aiutato nella sua produzione e registrazione?

A Berlino sono tutti rilassati, creativi, gente che non ha voglia di lavorare insomma. Quando vivevo lì facevo lo stesso ma in camera mia suonando una tastiera midi.

La scelta di permettere il download gratuito del tuo disco si allinea a quella compiuta da molti altri gruppi e cantanti che offrono questa opportunità agli ascoltatori lasciando comunque loro la possibilità di donare qualche soldo per sostenerli. Quali sono secondo te le possibilità insite in una scelta di questo genere ma anche i suoi rischi, se ce ne sono? 

La rete è sterminatamente vasta. Perché non sfruttarne ogni possibilità se necessario in nome della comunicazione?!

 L'atmosfera generale di “Musica da camera” è abbastanza cupa eppure mai veramente disperata, come se questo disco fosse un modo per  voltare pagina, per lasciarsi alle spalle un momento nero. Mi sbaglio?

Sei un genio.

La classica domanda inutile che però si fa sempre: a quali artisti italiani e non ti senti più vicina attualmente, non solo in campo musicale?

Massimo rispetto per Beyoncè ma la vera scoperta degli ultimi mesi è Clams Casino. Vorrei davvero sperimentare un po' anche in quella direzione mischiandoci le mie  solite 3 melodie. Sono pre mix in tutto. Dagli incroci genetici a quelli musicali.

Hai pensato di porta il disco anche in versione live? E credi che esistano situazioni, locali dove il tuo genere di musica potrebbe esprimersi compiutamente?

Il 21 giugno suonerò il mio primo live in Villa Arconati per il festival Audiovisiva.

E cosa ci dobbiamo aspettare da Sylvia in futuro?

Oggi ho comprato una loop station…auguri!

Auguri anche a te!


(La fotografia è stata gentilmente concessa da Silvia Tofani)

(Questa breve intervista verrà poi inserita in coda alla recensione di "Musica da camera" pubblicata su www.lankelot.eu)

13 commenti:

  1. bella chiaccherata,ma questi dischi da recensire gli scegli tu ,ho te li passano loro?ciao

    RispondiElimina
  2. Dipende, qualcuno mi scrive, qualcun altro lo scopro io come in questo caso passando dal sito dei Manetti! Poi di solito, per questione di tempo, mi occupo principalmente di libri.

    :)

    RispondiElimina
  3. (l'invito è sempre aperto...:)))))))))

    RispondiElimina
  4. Il 21 andrò ad ascoltarla,perchè quello che ho ascoltato mi piace molto e il concerto si terrà praticamente sotto casa mia:)

    RispondiElimina
  5. Sono contento blackswan! Mi farai sapere, io purtroppo per motivi fisici, emotivi ed economici non riesco più ad andare ai concerti e a molte altre occasioni pubbliche. Tranne casi rarissimi.

    RispondiElimina
  6. Proposta interessante, brillante intervista , da approfondire....

    RispondiElimina
  7. Interessante questa ragazza ... avete detto tutto in poche battute, altro che le mie lunghe blog-interviste in diretta ;)

    RispondiElimina
  8. Sì, ragazza di grande talento. Eh, sai le tue sono irraggiungibili. La nostra è stata breve e concisa anche per questioni di tempo e impegni vari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. (anche con il suo "sei un genio" (-;)
      Ottime canzoni.

      Elimina
  9. Quella risposta di S. ha un chè di sarcastisco che mi piace abbastanza.

    :)

    RispondiElimina
  10. cantante, fotografa, artista... ma andare a lavorare in posta no??

    RispondiElimina
  11. Aggiornato il link, la trovate qui:

    http://www.lankelot.eu/musica/sylvia-musica-da-camera.html

    RispondiElimina