sabato 9 giugno 2012

Kōji Wakamatsu

Del regista giapponese che a Cannes ha appena presentato un film su Mishima:


stamattina davano su Rai3 uno dei suoi bellissimi film: "United Red Army" (Le vere cronache: L’Armata rossa unita – La strada verso il Monte Asama)) del 2008:


e cercatevi anche la sua penultima opera "Caterpillar" del 2010:


E per alleggerire un po' l'atmosfera una cover di "Sei un mito" degli 883 realizzata dagli Ex-Otago. A quei tempi un fratello e una sorella che abitavano nell'altro palazzone la sparavano tutto il giorno ad altissimo volume.

3 commenti:

  1. SEgnalo anche un articolo di Nicola Lagioia a proposito di un libro su un altro grande regista:

    http://www.minimaetmoralia.it/?p=8301

    RispondiElimina
  2. Be' insomma, da lettore de il manifesto come non potrei sapere chi è? ... e anche da vecchio appassionato di Fuori Orario di Ghezzi e Giusti (ma anche di Scorsese, è uno dei suoi ultimi film buoni). Sugli 883 mettiamoci una pietra sopra, anche se sono gli Ex-Ottgo a rifarli, non li reggo...

    RispondiElimina
  3. Per me Wakamatsu e Sokurov sono due grandissimi registi.
    Gli 883 anche io mai sopportati...ma sai sono legatissimo agli Ex-Otago fin dai loro esordissimi, pensa un po'.

    RispondiElimina