domenica 29 aprile 2012

Ieri sera leggendo di quanto successo a Montichiari ripensavo a quanto mi capita di vedere quando passeggio per un parco o incontro amici, conoscenti o sconosciuti che hanno animali di qualunque genere e mi dicevo che è davvero più facile mostrare affetto e comprensione per un cane o un gatto persino chessò per una tartaruga piuttosto che per un essere umano. Non che l'impegno per questo determinato genere di cause sia qualcosa di sbagliato, anzi, benvengano campagne/mobilitazioni/discussioni (sono decisamente contrario alla vivisezione tutto il resto...) e nemmeno che evitare di mangiare carne sia una stupidaggine (lo faccio anche io) ma credo che tutto abbia un limite, soprattutto per quanto riguarda le modalità di rapporto che molti di noi instaurano con gli animali, finendo per un certo verso con l'umanizzarli e trattarli per qualcosa che non sono. Certo, ognuno è libero di comportarsi come meglio crede, ovvio, ma non mi sembra di esagerare nell'affermare che tutta questa attenzione e empatia è in molti casi totalmente assente verso gli esseri umani e i loro problemi, insomma ci commuove di più un cagnolino abbandonato che una persona in gravi difficoltà. L'essere umano nella sua interezza è decisamente più complesso, ostico, disturbante, non che l'animale non lo sia (chi ne ha o ne ha avuto uno sa bene di quante sottigliezze è capace un animale), ma la bellezza di un cane o di un cavallo o di un lupo sta proprio nell'essere altro da noi e  vi giuro che quando cammino per un parco e vedo come molte persone si comportano coi propri cani mi viene voglia di staccargli il guinzaglio e lasciarli liberi e intanto penso a che tipo d'uomini e donne sono nella vita reale, come si comportano coi propri figli e amici e quello che mi passa per la testa mi riempie di tanta tanta tristezza.

We Are Scientists - Nobody Move, Nobody Get Hurt

(la sola canzone che non mi dispiace di questo gruppo)

9 commenti:

  1. Nel campo sotto il mio ufficio alle 8.30 s'incontrano mamme con bambini e padroni con cani ... io fumo sempre una sigaretta preima d'entrare e sento "Tesoro" "Amore" e non riesco mai a capire con chi parlano, con i propri figli o gli animali ma poi pre sti cazzi di bambini avranno un nome? Ma si chiamano tutti Tesoro e Amore

    anifares

    RispondiElimina
  2. Proprio quello...poi vabbè io non ho animali e nemmeno bambini.

    :)

    RispondiElimina
  3. Ciò che l'uomo ama dell'animale domestico è la sua assoluta e totale dipendenza da lui. I cani, i gatti, le tartarughe... Anche se si sbaglia ad educarli non deluderanno mai quanto potranno deludere i figli, i mariti, le mogli, gli amici.
    La codardia dell'essere umano, e l'incapacità di vedere lo spettacolo che si nasconde nel proprio simile lo portano a nascondersi in battaglie di fanatismo.
    Io adoro gli animali, ho un gatto e prima o poi avrò un cane... Ma amo infinitamente l'uomo perché è in grado di sentire, provare, immaginare cose che la realtà spesso o volentieri non ci regala.
    Quando si ritroverà la voglia di "educare" anche i propri simili, allora tornerà l'amore per l'uomo.
    Ma sembra che per tutti sia tempo speso male.

    RispondiElimina
  4. Concordo con quanto dici.

    (tra l'altro molto bello "fumando vetro")

    RispondiElimina
  5. Grazie :)
    E' quello che sentono i miei polmoni in quasi ogni giorno di vita. Sto cercando di smettere, ma sembra che dia dipendenza!

    RispondiElimina
  6. I miei polmoni mi hanno scritto in questi anni parecchie lettere di rimostranze, dicendomi che prima o poi decideranno di farsi un giro altrove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro, io non potrei mai occuparmi di animali domestici perchè mi dimenticherei di dar loro del cibo, portarli fuori, etc...sarebbe una vera e propria tortura per loro.

      Elimina
  7. La cosa bella del gatto è proprio che puoi, di tanto in tanto, dimenticarti di lui... è solo contento di questo. D'altra parte un minimo di attenzione ci vuole. Un animale, a una persona come me, fa bene: mi aiuta a prendermi cura di qualcosa e a rivolgere la mia attenzione lontano dai fastidi (il vetro che "fumo"). Rapporto molto egoista il mio, ma in fondo non credo che Calzino qui (il gattino) mi odierà mai per aver cercato di uccidere la mia solitudine emozionale grazie a lui.

    RispondiElimina
  8. Io adoro i gatti ma probabilmente non riuscirei ad averne uno perché mi somigliano troppo, forse un cane, forse un cane mi aiuterebbe a prendermi cura di qualcosa, come dici tu.

    RispondiElimina