martedì 10 aprile 2012

Che grandissima delusione l'ultimo disco dei Giardini di Mirò.

(E vai con lo spread. Timori per la Spagna e molto altro. Ricordo ancora un filmato di Iacona che qualche tempo fa mi invitava a trasferirmi a Barcellona. C'è gente che ama giocare col proprio ruolo e lui è stato uno di quelli. Sì, confesso, non mi piace nemmeno lui. Ah, l'onestà intellettuale...)

6 commenti:

  1. oramai hanno fatto il loro tempo....accidenti allo spread:)

    RispondiElimina
  2. Sì, penso di siì. Rise and fall è un disco bellissimo.

    RispondiElimina
  3. Sono entrati nella dimensione band troppo grandi per i miei gusti ... Iacona? Non so, seguo poco la tv, ma mi pareva uno dei più seri. Però è da anni che non guardo la tv, può darsi si sia perso pure lui ... boh!

    RispondiElimina
  4. Ti dico, è un professionista, su quello non discuto, ma quando vidi quel servizio rimasi decisamente perplesso. Va bene che l'Italia fa schifo, va bene tutto, ma quando si esagera si esagera...e c'era ancora il governo Berlusconi...insomma la spagna non sta messa meglio dell'italia...diciamo che un servizio alquanto tendenzioso.

    RispondiElimina
  5. Il servizio sulla Spagna lo trovai eccessivo anche io ma Iacona continua a piacermi. E sul disco dei giardini di mirò non so, di certo lo trovo molto discontinuo.

    RispondiElimina
  6. Confesso che l'ultima puntata sull'immigrazione, consigliatami da un'amica, era davvero ben fatta. Cavolo, però ti giuro che quella spagnola mi fece davvero arrabbiare...anche un paio di amici a Barcellona si irritarono parecchio.

    Sui Giardini, anche l'ultimo, seppur avesse dei bellissimi pezzi era un po' discontinuo...questo ancora di più...ho paura che siano forse arrivati alla fine della corsa.

    RispondiElimina