lunedì 5 marzo 2012

Hood - Cold House

Uno di quei dischi che la pioggia torna a suggerire quasi magicamente. L'arrivo dell'ennesima inutile primavera mi ricorda banalmente, come se già non lo ricordassi ogni giorno, che il tempo scorre inesorabile e feroce. E forse sarebbe meglio che questo inverno non finisse mai e ricominciasse da capo. Lo stesso inverno in replay. E non perché sia stato un inverno memorabile, tutt'altro, ma perché i mesi in attesa dietro l'angolo di questo ritorno di freddo mi fanno una paura boia.


2 commenti:

  1. album splendido, ho fatto anche io un post su questo disco....ciao

    RispondiElimina
  2. ...album splendido...da ascoltare e riascoltare...

    RispondiElimina